LIBERA ASSOCIAZIONE AGRICOLTORI CREMONESI CONFAGRICOLTURA
  News  

   

 

Venerdì 2 maggio gli uffici centrali e periferici di Libera Associazione Agricoltori Cremonesi e di Libera S.r.l. resteranno chiusi. Per eventuali comunicazioni di infortunio telefonare al N.0372 465350

 

 

Dossier Seminari di aggiornamento 2014

- Bilancio suini 2013

- Bilancio cereali 2013

- PEC / Agroenergie

- Fisco 2014

- Latte / Formaggi

- Tavole statistiche trimestrali

- Direttiva Nitrati

 

    

 


Ogm: anche in Francia continua lo scontro
 

 

 

In Francia continua lo scontro sul mais transgenico. L’Agpm, Associazione dei maiscoltori aderenti alla Fnsea (la più grande organizzazione agricola transalpina), insieme all’Ufs, che rappresenta le imprese sementiere, hanno presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione pubblicata il 15 marzo scorso dal Governo Hollande di sospendere ancora una volta (la terza in pochi anni) l’autorizzazione alla coltivazione del mais ogm Mon810.

Una presa di posizione che non mira, specificano le due organizzazioni, «a seminare costi quel che costi», ma a dare la possibilità a chi vuole di poter utilizzare il mais in questione già in queste settimane. Questo perché «non ci sono elementi nuovi che possano giustificare il divieto di coltivazione», su cui il Governo francese è stato battuto sia in patria sia in Ue nel 2011 e poi nel 2013. «Certe battaglie legali sono inutili e costose» rincara la dose la Ufs, mentre la Agpm ricorda che il ricorso «è perfettamente legittimo a causa dell’inconsistenza delle motivazioni» alla base della decisione contestata, e rileva l’incoerenza nella gestione di una vicenda di un prodotto che «è vietato produrre, ma la cui importazione è autorizzata». 

 

Abbonamento 2014 Edizioni L'Informatore Agrario - Quote scontate riservate agli associati di Libera Associazione Agricoltori Cremonesi

 

 

 

Bandi & domande

Banche convenzionate Finlombarda per operazione credito di funzionamento ( conto interessi 2%) e Nuova Sabatini


MISURA 112: Premio insediamento giovani agricoltori


Beni strumentali NUOVA SABATINI dal prossimo 31 Marzo la presentazione delle domande 


Apertura bando operazione di credito di funzionamento - contributo in conto interessi 

 

Confagricoltura, Antonio Piva confermato in giunta

 

Voglio esprimere, a nome mio personale e del Consiglio Direttivo di Confagricoltura Lombardia le mie congratulazioni a Mario Guidi per la sua conferma al vertice della nostra Organizzazione per il prossimo triennio”: questo è il commento di Matteo Lasagna, presidente della Federazione regionale lombarda a margine dell’assemblea nazionale di Confagricoltura svoltasi nella mattinata di martedì 15 aprile, nella sede romana di Palazzo Della Valle.

Sono certo – prosegue Matteo Lasagna – che in questo nuovo mandato il presidente Guidi saprà proseguire in maniera efficace il lavoro che ha avviato nel corso del suo primo triennio alla presidenza di Confagricoltura, in un momento particolarmente difficile per il settore agricolo alle prese con la riforma della PAC e la nuova programmazione rurale e con la grande opportunità offerta da Expo per dare alla nostra agricoltura una dimensione sempre più internazionale”.

Confagricoltura, in questi ultimi tre anni, è stata all’altezza della necessità di cambiamento, prima di tutto nella mentalità – ha affermato Mario Guidi nell’assumere il nuovo mandato presidenziale – Siamo passati dalla semplice rivendicazione alla progettazione del nostro futuro. Siamo e vogliamo rimanere un sindacato libero che vuole rappresentare degli imprenditori agricoli liberi e consapevoli del loro ruolo nel contesto economico e produttivo del nostro Paese”.

Da presidente di Confagricoltura Lombardia, devo poi rallegrarmi per la presenza nella nuova Giunta confederale di due rappresentanti della nostra Regione: Antonio Piva (nella foto), già vicepresidente nazionale nello scorso triennio, e Antonio Boselli, mio predecessore alla guida della Federazione regionale – conclude Lasagna - Un riconoscimento non solo delle loro capacità personali e della validità del lavoro svolto nei loro precedenti incarichi, ma anche della rilevanza che il comparto agricolo lombardo riveste nel contesto nazionale: anche a loro vanno le mie congratulazioni e il più sincero augurio di buon lavoro”.

 

 

 

 

     

Alimentare: Ciolos, ecco la nostra rivoluzione 'bio'

Agricoltura: Corte conti a Ue, controlli Stati inaffidabili

 

 

 

 

 

Newsletter
Utente:
@pec.liberacr.it
Entra  Vai
Rinascita Agraria Rinascita Agraria

Edizione:

Vai
Newsletter
Previsioni meteo
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193 Credits