ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
20.3.2019   Furti di alveari, intervista del GR1 al presidente della FAI    20.3.2019   Luca Lazzaro, neo presidente di Confagricoltura Puglia: “Serve legge speciale per emergenza Xylella e rilancio del territorio”    20.3.2019   Brexit, Giansanti: da un recesso senza regole conseguenze devastanti per l'agricoltura europea    19.3.2019   Premio nazionale per l'innovazione nel settore dell'agricoltura: è possibile partecipare fino al 31 marzo    19.3.2019   Brondelli di Brondello alla Tavola rotonda sui grandi carnivori al COPA COGECA    19.3.2019   Furti di alveari, fenomeno nazionale. Appello FAI alle Forze dell'ordine    18.3.2019   Clima e ambiente: intervento di Raffaele Cirone a Rainews24    15.3.2019   Clima: Confagricoltura Donna sostiene azione Greta Thunberg    15.3.2019   Prezzi: Confagricoltura convoca gli stati generali della suinicoltura per superare la crisi del settore    14.3.2019   Il 26 marzo Welfare Index PMI presenta il Rapporto 2019, l’indagine più completa sul welfare in Italia delle Pmi    14.3.2019   Brexit, Giansanti: "Mondo agricolo europeo compatto contro un recesso senza regole"    13.3.2019   Confagri Promotion: prossimi appuntamenti a Siena e a Roma nell’ambito dell’OCM Vino 2019    13.3.2019   Imprese agricole: nel 2018 diminuiscono dello 0,24%    13.3.2019   Il nuovo superfood arriva dagli aghi di abete. Ecco lo studio che lo dimostra    13.3.2019   Inaugurato l’orto didattico nella scuola Lombardi di Bari: “La cura della terra… e delle relazioni”    12.3.2019   Agrinsieme: pratiche sleali, la direttiva comunitaria è finalmente realtà    12.3.2019   I Fruit&Salad School Games fanno tappa in Puglia    12.3.2019   Giovani e pensionati a confronto sul ricambio generazionale in un incontro oggi a Palazzo della Valle    12.3.2019   Agrinsieme: pratiche sleali, la direttiva comunitaria è finalmente realtà    11.3.2019   Martedì 12 marzo workshop ANPA e ANGA sul tema del passaggio generazionale   
31.10.2018
Mais, Bicontrollo e micorrize: sperimentazione positiva

Organizzato dalla Libera Associazione Agricoltori Cremonesi e dal Crea, nell’ambito del progetto finanziato da Regione Lombardia, si è tenuto in Fiera l’incontro di aggiornamento sul tema “Biocontrollo e Micorrize: sanità, sostenibilità e qualità per il mais italiano”. Incontro realizzato sotto forma di tavola rotonda moderata da Andrea Massari, vice direttore vicario dell’assessorato all’agricoltura di Regione Lombardia. Ha introdotto l’argomento Amedeo Ardigò (nella foto), vice presidente della Libera Associazione Agricoltori Cremonesi e capofila del progetto stesso. Ardigò ha presentato le finalità ed i risultati del secondo anno della sperimentazione, con la quale si sono voluti testare in campo mezzi per la prevenzione ed il controllo di micotossine nel mais. Nel corso del secondo anno, ha detto Ardigò, la ricerca ha riguardato anche la somministrazione del mais coltivato sperimentalmente alle bovine da latte. I risultati non sono ancora disponibili, ma i ricercatori hanno già potuto sviluppare alcune valutazioni. Carlotta Balconi, responsabile del centro per la cerealicoltura e per le colture industriali, ricordando il grosso lavoro preparatorio svolto dal Crea che riguarda la maiscoltura e tutti i fenomeni che l’hanno portata ad una crisi di superfici investite e quindi di disponibilità di prodotto. Una delle cause è stata certamente la questione della sanità. Gianfranco Mazzinelli (Crea di Bergamo) ha sviluppato gli argomenti più tecnici e legati alla realizzazione delle prove in campo del progetto Lomico (Lombardia Micotossine), che aveva previsto appunto l’uso di tecniche e prodotti per il biocontrollo (Micosat) e per l’impiego di micorrize (Af-X1) in grado di controllare e sovrastare lo sviluppo di micotossine. I risultati delle prove in campo, anche se non definitivi, sembrano incoraggianti. Alle stesse conclusioni è arrivata Carmela Tripaldi, ricercatrice della sede Crea di Monterotondo, che ha utilizzato il mais trattato per alimentare vacche da latte e valutare gli effetti sulla produzione di latte e sulla resa casearia. I risultati sin qui ottenuti, anche se non significativi dal punto di vista statistico, si presentano interessanti, visto che si è registrato un incremento della capacità di ingestione di sostanza secca del 6%, un 9% in più della degradabilità ruminale e un aumento della microflora ruminale. Tutto ciò ha determinato un contenuto incremento della produzione di latte ma anche del tenore proteico, quindi una maggiore resa alla caseificazione. Giacomo Pirlo, del Crea di Lodi, ha ricordato i benefici effetti che si sono potuti verificare in tema di migliore efficienza nell’uso delle risorse idriche, tema quanto mai di grande attualità. Hanno chiuso gli interventi Giorgio Masoero, dell’Accademia di agricoltura di Torino, e Giusto Giovannetti del Centro colture sperimentali di Aosta; hanno fatto una panoramica sugli aspetti legati alla microbiologia, alla fertilità del suolo e alla sanità delle colture. Non mancando di sottolineare alcune carenze legislative relative alla commercializzazione di prodotti estremamente utili ad elevato contenuto microbiologico. Degni di nota alcuni passaggi fatti da Andrea Massari circa l’impegno di Regione Lombardia nel sostenere la realizzazione di progetti di ricerca come questo sulle micorrize: sono soldi spesi bene; la ricerca deve essere sostenuta e i dati presentati sono incoraggianti. Massari ha sottolineato come gli incontri di questo tipo siano utili in momenti in cui si sta affinando la programmazione della prossima Pac, per evidenziare i temi di maggiore interesse per gli agricoltori.


  Archivio news
Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits