ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
19.8.2019   L'Ente Produttori Selvaggina lancia un'App per la sorveglianza passiva della Peste suina africana    19.8.2019   Olio di palma: tensioni Europa Indonesia, a rischio export lattiero caseario UE. Confagricoltura: l'Italia punti senza indugi sulle rinnovabili    17.8.2019   Prezzi frutta estiva: intervento di Bergami a Radio24    14.8.2019   Negli agriturismi a Ferragosto c'è il pienone, ma l'abusivismo penalizza il settore    13.8.2019   Alimenti freschi: 1° semestre 2019 segno positivo per la IV gamma    13.8.2019   "Sole 24 ore" su crisi e parti sociali: la parola al presidente Giansanti    12.8.2019   Super stage all'estero di Anga-Confagricoltura: giovani agricoltori e studenti Agraria si formano nelle vigne australiane e nei ranch statunitensi    10.8.2019   Flagello cimice asiatica: intervento di Eugenia Bergamaschi a Radio24    09.8.2019   Giansanti su "Il Sole 24 Ore": coniugare commercio e tutele    09.8.2019   Confagricoltura Donna in prima linea per l’emergenza Xylella    09.8.2019   Grano duro - pasta, Confagricoltura: urgente produrre più frumento in Italia con filiera e corretta informazione    08.8.2019   Export, Confagricoltura: in Cina la carne suinicola italiana    08.8.2019   Cimice asiatica, Confagricoltura: una task force per combatterla    07.8.2019   Confagricoltura: allarme lupi a pochi chilometri dal centro di Roma    07.8.2019   Al via la vendemmia, Confagricoltura: qualità eccellente, produzione in calo    06.8.2019   Sogni una fattoria didattica? Ecco il corso di Confagricoltura. Prima lezione l'11 settembre a Milano    06.8.2019   Francesco Longhi vicepresidente Anga Nord: “Servono nuovi progetti per far crescere la base associativa”    06.8.2019   Dazi, la commissaria UE Malmstrom risponde a Giansanti: "Faremo di tutto per evitare guerra commerciale con gli USA"    06.8.2019   Manovra: Cia, Confagricoltura e Copagri da Salvini per una strategia di crescita chiara e condivisa    05.8.2019   Export, Confagricoltura: operativo l'accordo Italia-Cina sulle carni suine congelate   
Bruxelles, assemblea dei produttori europei di mais

L’Unione europea non può fare a meno del mais prodotto dagli agricoltori nei suoi Stati membri. La domanda di mais da parte L'Unione è in crescita al punto che la Ue è diventata il maggiore importatore mondiale di mais. Alla fine di questa stagione l'Unione europea ne avrà importato più di 23 milioni di tonnellate, il 35% in più rispetto a quella scorsa, che già era stata caratterizzata da importazioni record. Saranno quindi presto tre le campagne agricole in cui l'UE è risultata il più grande importatore di mais sul pianeta. E’ quanto emerso dall’assemblea della Confederazione europea dei produttori di mais (CEPM) presieduta dal francese Daniel Peyraube che si è tenuto a Bruxelles lo scorso 26 giugno e a cui ha preso parte anche Cesare Soldi, in qualità di presidente di Ami, l’associazione dei maiscoltori italiani che già da tempo aveva denunciato lo stesso problema sul piano nazionale.

Nel corso dell’assemblea il preoccupante fenomeno dell’importazione di mais è stato messo a fuoco nei dettagli. La produzione europea di mais sta declinando a causa della mancanza di competitività: le superficie hanno perso 1,5 milioni di ettari tra il 2012 e il 2018 e oggi viene importato il 27% del mais consumato nell'Unione. La CEPM ha voluto denunciare questa situazione che impatta sulla salute economica dell'UE peggiorando sensibilmente la sua bilancia commerciale. E che va contro gli interessi dei suoi consumatori che chiedono una alimentazione a base di prodotti coltivati localmente, in modo sostenibile e di buona qualità così come garantito dalla Politica agricola comunitaria. Al contrario il mais, in gran parte importato dall'Ucraina, dal Brasile e dal Canada spesso non fornisce gli stessi requisiti di standard di produzione e di sicurezza dell'UE in quanto prodotto facendo ricorso a mezzi e tecnologie non consentite nel territorio dell’Unione. Il mais ha bisogno di un rilancio sul piano europeo. Si è appena costituito un nuovo parlamento europeo, e presto verrà completato l’intero assetto politico e organizzativo dell’Unione che dovrà portare a termine la riforma della Pac dopo il 2021.

Non si può accettare che i cittadini europei siano ingannati riguardo alla fonte del loro cibo. Aspirano ad una produzione locale e sostenibile, che è anche fonte di ricchezza economica del territorio, e gli agricoltori europei possono rispondere al loro desiderio.

Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits