ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
15.10.2019   Intervento della delegazione italiana sui danni provocati dalla cimice asiatica    15.10.2019   Consiglio UE Affari Generali (art. 50): aggiornamento sui negoziati per la Brexit    15.10.2019   Giornata internazionale delle donne rurali, Confagricoltura Donna: indispensabile il nostro ruolo nella produzione alimentare    15.10.2019   Giunta Confagricoltura per Giornata Mondiale Alimentazione FAO. Obiettivi prioritari fame zero e lotta allo spreco    14.10.2019   Missione italiana per l’ASAJA di Cordoba in Confagricoltura    14.10.2019   La crisi suinicola cinese calamita la domanda influendo positivamente sul prezzo dei suini    14.10.2019   “Riso Chiaro”: senza segreti con la blockchain    14.10.2019   Costituita a Belluno la rete d'impresa "D&D" nel settore vitivinicolo    14.10.2019   Salute dei vegetali: L'UE dà la priorità a 20 organismi nocivi    14.10.2019   Accordi commerciali dell'UE: offrire nuove opportunità in periodi di incertezze economiche globali    14.10.2019   La Corte di giustizia europea ammette la caccia come strumento di gestione per le specie animali protette    14.10.2019   Da Bayer nessuna alternativa al glifosato per i prossimi 5 anni    14.10.2019   Approvati nuovi dazi antidumping sulle importazioni di fertilizzanti azotati liquidi    12.10.2019   Accordo USA–Cina, Confagricoltura: impatto forte sui mercati internazionali, ora negoziato diretto USA–UE per fermare i dazi    11.10.2019   Spirulina: cresce la produzione made in Italy e sostenibile    11.10.2019   L’Unione Europea aderisce all’Atto di Ginevra per la protezione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche    11.10.2019   Bilancio a lungo termine UE: ritardo un danno per cittadini e imprese    11.10.2019   I Deputati si oppongono ai alla Commissione europea per l’autorizzazione di tre OGM resistenti agli erbicidi    11.10.2019   Consiglio Agricoltura e Pesca 14-15 ottobre (Lussemburgo)    10.10.2019   Agrinsieme: agrumi, prioritario lavorare su un piano nazionale e riconvocare il tavolo al Mipaaf   
Bruxelles, assemblea dei produttori europei di mais

L’Unione europea non può fare a meno del mais prodotto dagli agricoltori nei suoi Stati membri. La domanda di mais da parte L'Unione è in crescita al punto che la Ue è diventata il maggiore importatore mondiale di mais. Alla fine di questa stagione l'Unione europea ne avrà importato più di 23 milioni di tonnellate, il 35% in più rispetto a quella scorsa, che già era stata caratterizzata da importazioni record. Saranno quindi presto tre le campagne agricole in cui l'UE è risultata il più grande importatore di mais sul pianeta. E’ quanto emerso dall’assemblea della Confederazione europea dei produttori di mais (CEPM) presieduta dal francese Daniel Peyraube che si è tenuto a Bruxelles lo scorso 26 giugno e a cui ha preso parte anche Cesare Soldi, in qualità di presidente di Ami, l’associazione dei maiscoltori italiani che già da tempo aveva denunciato lo stesso problema sul piano nazionale.

Nel corso dell’assemblea il preoccupante fenomeno dell’importazione di mais è stato messo a fuoco nei dettagli. La produzione europea di mais sta declinando a causa della mancanza di competitività: le superficie hanno perso 1,5 milioni di ettari tra il 2012 e il 2018 e oggi viene importato il 27% del mais consumato nell'Unione. La CEPM ha voluto denunciare questa situazione che impatta sulla salute economica dell'UE peggiorando sensibilmente la sua bilancia commerciale. E che va contro gli interessi dei suoi consumatori che chiedono una alimentazione a base di prodotti coltivati localmente, in modo sostenibile e di buona qualità così come garantito dalla Politica agricola comunitaria. Al contrario il mais, in gran parte importato dall'Ucraina, dal Brasile e dal Canada spesso non fornisce gli stessi requisiti di standard di produzione e di sicurezza dell'UE in quanto prodotto facendo ricorso a mezzi e tecnologie non consentite nel territorio dell’Unione. Il mais ha bisogno di un rilancio sul piano europeo. Si è appena costituito un nuovo parlamento europeo, e presto verrà completato l’intero assetto politico e organizzativo dell’Unione che dovrà portare a termine la riforma della Pac dopo il 2021.

Non si può accettare che i cittadini europei siano ingannati riguardo alla fonte del loro cibo. Aspirano ad una produzione locale e sostenibile, che è anche fonte di ricchezza economica del territorio, e gli agricoltori europei possono rispondere al loro desiderio.

Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits