ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
10.6.2020   Giansanti a 'Fuori dal coro' interviene sulla sanatoria migranti irregolari    10.6.2020   Strategia “Farm to Fork”: presentazione in COMAGRI da parte della Commissione europea.    10.6.2020   Frutta italiana, Confagricoltura: Parte la campagna promozionale, ma il maltempo rovina la festa    10.6.2020   Confagricoltura a fianco delle imprese con nuovi programmi di formazione a distanza    10.6.2020   Fase 3, Confagricoltura: Priorità chiare e tempi certi per la ripresa economica    09.6.2020   L’intervento del Presidente Giansanti a Buongiorno in Blu sul Patto per l'Export e sul piano Colao    09.6.2020   Bando europeo di promozione dei prodotti agricoli    09.6.2020   Agrinsieme: “Florovivaismo, comparto sta lentamente tornando alla normalità, ma restano molti nodi da sciogliere: le proposte del coordinamento”    08.6.2020   Manodopera italiana anche in Emilia Romagna: le telecamere del TG2 nell'azienda Salvi    08.6.2020   Biodiversità nei terreni agricoli: il contributo della PAC non ne ha arrestato il declino.    08.6.2020   Pubblicato il regolamento delegato (UE) 2020/743 della Commissione, del 30 marzo 2020, che modifica il regolamento delegato (UE) 2017/891 per quanto riguarda il calcolo del valore della produzione commercializzata delle organizzazioni di produttori nel se    08.6.2020   Pubblicato il regolamento (UE) 2020/741 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 maggio 2020, recante prescrizioni minime per il riutilizzo dell’acqua    08.6.2020   Commercio internazionale: “Rilancio economico a rischio se torna tensione UE-USA”    08.6.2020   Patto per l’export: “Iniziativa utile anche per il rilancio dell’agroalimentare italiano”    05.6.2020   Ambiente, Confagricoltura: Agricoltori garanti della biodiversità    04.6.2020   Huffpost intervista i 'nuovi' lavoratori italiani nei campi    04.6.2020   Mais: Al via l'applicazione delle premialità previste dall'Accordo Quadro e dal sostegno ministeriale per gli agricoltori italiani    03.6.2020   Repubblica.it - Video - Dal tessile all'agricoltura: la storia di Massimiliano Cassina    03.6.2020   AGRI-Linea intervista Leonardo Granata (Agriturist) sulla riapertura degli agriturismi    03.6.2020   Andamento delle esportazioni dei principali prodotti agricoli e dell’industria alimentare dell’Italia verso i Paesi UE nel primo trimestre 2020   
Bruxelles, assemblea dei produttori europei di mais

L’Unione europea non può fare a meno del mais prodotto dagli agricoltori nei suoi Stati membri. La domanda di mais da parte L'Unione è in crescita al punto che la Ue è diventata il maggiore importatore mondiale di mais. Alla fine di questa stagione l'Unione europea ne avrà importato più di 23 milioni di tonnellate, il 35% in più rispetto a quella scorsa, che già era stata caratterizzata da importazioni record. Saranno quindi presto tre le campagne agricole in cui l'UE è risultata il più grande importatore di mais sul pianeta. E’ quanto emerso dall’assemblea della Confederazione europea dei produttori di mais (CEPM) presieduta dal francese Daniel Peyraube che si è tenuto a Bruxelles lo scorso 26 giugno e a cui ha preso parte anche Cesare Soldi, in qualità di presidente di Ami, l’associazione dei maiscoltori italiani che già da tempo aveva denunciato lo stesso problema sul piano nazionale.

Nel corso dell’assemblea il preoccupante fenomeno dell’importazione di mais è stato messo a fuoco nei dettagli. La produzione europea di mais sta declinando a causa della mancanza di competitività: le superficie hanno perso 1,5 milioni di ettari tra il 2012 e il 2018 e oggi viene importato il 27% del mais consumato nell'Unione. La CEPM ha voluto denunciare questa situazione che impatta sulla salute economica dell'UE peggiorando sensibilmente la sua bilancia commerciale. E che va contro gli interessi dei suoi consumatori che chiedono una alimentazione a base di prodotti coltivati localmente, in modo sostenibile e di buona qualità così come garantito dalla Politica agricola comunitaria. Al contrario il mais, in gran parte importato dall'Ucraina, dal Brasile e dal Canada spesso non fornisce gli stessi requisiti di standard di produzione e di sicurezza dell'UE in quanto prodotto facendo ricorso a mezzi e tecnologie non consentite nel territorio dell’Unione. Il mais ha bisogno di un rilancio sul piano europeo. Si è appena costituito un nuovo parlamento europeo, e presto verrà completato l’intero assetto politico e organizzativo dell’Unione che dovrà portare a termine la riforma della Pac dopo il 2021.

Non si può accettare che i cittadini europei siano ingannati riguardo alla fonte del loro cibo. Aspirano ad una produzione locale e sostenibile, che è anche fonte di ricchezza economica del territorio, e gli agricoltori europei possono rispondere al loro desiderio.

Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits