ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
21.9.2019   Lavoro, Giansanti alle Giornate CGIL a Lecce: Un patto per favorire l'occupazione e la competitività delle imprese    20.9.2019   Confagricoltura Donna Emilia Romagna alla 'Race for the cure' Bologna dal 20 al 22 settembre, con stand e laboratori per bambini    20.9.2019   Farm-Inn, focus sugli allevamenti nel secondo anno del progetto di ricerca sulla filiera latte    20.9.2019   Il Parlamento europeo ha approvato 277 milioni di euro in aiuti per l’Italia per far fronte agli eventi metereologici estremi del 2018    20.9.2019   ComEnvi: pubblicato uno studio sulle sfide attuali e future riguardanti la sanità pubblica europea    20.9.2019   ComAgri: progetto di ordine del giorno della riunione del 25 settembre    20.9.2019   Il Parlamento europeo dà il via libera a Christine Lagarde nuova presidente BCE    20.9.2019   Incontro del Presidente Sassoli con l'on. Paolo Gentiloni    20.9.2019   Dazi, Giansanti: il Ceta è un buon accordo. Lo confermano i dati diffusi oggi dalla Commissione europea    19.9.2019   Il presidente di Confagricoltura Lombardia interviene al 'Dairy Summit 2019', l'appuntamento di riferimento per la filiera lattiero-casearia    19.9.2019   Bozza del calendario provvisorio delle "audizioni" dei Commissari designati    19.9.2019   Tavolo xylella, Confagricoltura: "Velocità, efficacia ed efficienza nella gestione delle risorse"    19.9.2019   Dl clima, Giansanti: bene l'estensione del bonus verde. Sui carburanti agricoli attenzione a non penalizzare il settore    18.9.2019   Il componente di Giunta Rossi alla Fiera del Levante al convegno “Aspettative di Confagricoltura dal mercato ungherese”, nell’ambito del “Focus Ungheria”    18.9.2019   Plenaria PE del 16 settembre – Comunicazione della Commissione UE sullo stato delle foreste dell'UE    18.9.2019   Dal 30 settembre all’8 ottobre le audizioni del Parlamento europeo con i nuovi Commissari UE    18.9.2019   Xylella: Confagricoltura chiede di attivare quanto prima le risorse stanziate con il decreto emergenze. In gioco il futuro di metà dell'olivicoltura pugliese    18.9.2019   Le eccellenze di Confagricoltura in mostra ad Osaka per i campionati mondiali di rugby    17.9.2019   Agriturist (Confagricoltura): Augusto Congionti è il nuovo presidente dell'associazione    17.9.2019   Bergami, presidente FNP frutta di Confagricoltura: “Occorre programmare, sbagliato lavorare in emergenza”   
MALTEMPO, COLPITO PESANTEMENTE IL CREMASCO. DANNI PER MILIONI DI EURO

Il maltempo nel mese di agosto ha colpito pesantemente la parte Nord della provincia di Cremona. Gli eventi atmosferici avversi si sono abbattuti con una violenza inaudita, in particolare tre perturbazioni in dieci giorni, di cui due ravvicinate, sul territorio tra Adda e Serio fino a Soncino, con una violenza del vento accompagnato da piogge torrenziali, quasi monsoniche decisamente atipiche per il territorio Padano.

Fenomeni così violenti ed impattanti sulle colture in atto e sulle strutture che hanno messo in ginocchio l’agricoltura cremasca. Danni ancora da definire con precisione, ma parliamo sicuramente di milioni di euro. «Mai visto un vento simile in tanti anni — ha commentato Riccardo Crotti, presidente della Libera associazione agricoltori cremonesi — con una serie di eventi atmosferici di tale impatto negativo concentrati in pochi giorni».

Fienili, magazzini e stalle scoperchiate, alberi caduti, nelle aree boschive e nei pioppeti, e lungo le rive dei canali irrigui. Danni indiretti anche nelle zone non colpite dai nubifragi, in quanto gli alberi caduti hanno ostruito il corso del canale Pietro Vacchelli e di diverse rogge di primaria importanza (navigli Pallavicino e le rogge Calciana, Acquarossa, Alchina e Comuna). Si è interrotto il flusso dell’acqua per alcuni giorni con la conseguenza di avere interrotto le irrigazioni nei territori a valle.

Pesantissimi i danni per il mais, le piante prossime alla mietitura sono state spezzate dalla furia del vento. I periti delle compagnie assicurative sono al lavoro per la quantificazioni dei danni, danni che non sono rimborsabili come calamità naturale (DLGS 102/2004), che saranno risarciti dalle stesse in base alle coperture richieste. I Consorzi di difesa sono al lavoro per garantire la massima assistenza possibile ai soci.

È stata avviata la procedura per ottenere il riconoscimento dello stato di calamità naturale. Sono ventotto i Comuni cremaschi che hanno dichiarato di aver subìto danni, tra strutture pubbliche, storiche, private, produttive e parchi. Anche questi ultimi hanno subito importanti danni ambientali, soprattutto nel Parco del Serio in particolare la riserva naturale della palata del Menasciutto.

I Comuni hanno raccolto i dati sui danni sia pubblici che privati, segnalati dai soggetti interessati (comprese le attività agricole); li hanno sintetizzati nella piattaforma on line RASDA al fine di attivare la possibilità della sussistenza delle condizioni per dichiarare lo stato di emergenza nazionale tramite la Protezione Civile Regionale. La procedura è parallela a quella specifica per le imprese agricole che prevede la consueta prassi di segnalazione agli UTR per attivare la procedura specifica per le imprese agricole normata dal DLGS 102/2004. Entro un mese, i vertici di Palazzo Lombardia potranno chiedere al governo lo stato di calamità. Una volta riconosciuto, sarà possibile accedere ai benefici anche da parte delle imprese agricole per i danni subiti alle strutture.

Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits