ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
22.11.2019   L'importanza degli insetti impollinatori: la Federazione Apicoltori Italiani a Bruxelles per un seminario al Parlamento europeo    22.11.2019   Le clementine di Confagricoltura Donna contro la violenza di genere    22.11.2019   Più di 200 milioni di euro per la promozione dei prodotti agroalimentari europei    22.11.2019   L’impegno europeo per l’agricoltura sociale    22.11.2019   Il Parlamento europeo chiede misure volte a far fronte all'impatto sull'agricoltura europea dei nuovi dazi imposti dagli USA sui prodotti agroalimentari dell’UE    22.11.2019   Parlamento europeo: agenda sessione Plenaria, Strasburgo 25-28 novembre    21.11.2019   Confagricoltura al Mipaaf: per gli spandimenti degli effluenti serve flessibilità    21.11.2019   Seminario in Confagricoltura su “Nuova Sabatini” e “Garanzia diretta” ISMEA    21.11.2019   Agricoltura. Quali ulivi resistenti alla Xylella verranno reimpiantati in Salento. Il servizio del TG2 in occasione della presentazione del film "AmalaTerra" a Palazzo della Valle    21.11.2019   Confagricoltura Campania: ”La politica regionale scommetta sull’innovazione”    21.11.2019   Approvate le modifiche al disciplinare della IGP “Vigneti delle Dolomiti / Weinberg Dolomiten”    21.11.2019   Approvate le modifiche al disciplinare IGP “Valle d’Itria”    21.11.2019   Approvate le modifiche al disciplinare della IGP “Vallagarina”    21.11.2019   Approvata la modifica al disciplinare della DOP “Roma”    21.11.2019   Pubblicazione di una domanda di registrazione per la denominazione STG “Amatriciana tradizionale”    21.11.2019   Pubblicazione di una domanda di approvazione di una modifica non minore del disciplinare di produzione della DOP “Cinta Senese”    21.11.2019   Decisione di esecuzione (UE) 2019/1931 della Commissione che modifica l'allegato della decisione di esecuzione 2014/709/UE recante misure di protezione contro la peste suina africana in taluni Stati membri    21.11.2019   Indagine Eurobarometro: la maggioranza dei cittadini dell’UE ha una percezione positiva del commercio internazionale    21.11.2019   Il Parlamento voterà la nuova Commissione europea il 27 novembre    21.11.2019   Pacchetto fiscale d’autunno: la Commissione adotta i pareri sui documenti programmatici di bilancio della zona euro   
Il Consorzio di difesa delle colture intensive scrive ai soci per raccogliere le segnalazioni dei danni da maltempo

Giuseppe Lanzoni, presidente del Consorzio di Difesa delle colture intensive afferente alla Libera associazione agricoltori cremonesi, a seguito di numerose segnalazioni di eventi atmosferici che hanno causato ingenti perdite alle colture ha scritto ai propri associati per informarli che i periti delle Compagnie di Assicurazione, secondo le condizioni di polizza, stanno effettuando diverse perizie per la quantificazione dei danni e dei relativi risarcimenti agli agricoltori che ne hanno fatto richiesta.

Nella lettera del Consorzio di difesa (codice 0404) si ricorda che “Ogni Compagnia o gruppi di Compagnie ha un proprio corpo peritale costituito da liberi professionisti che con professionalità, indipendenza e senza ingerenze devono quantificare i danni secondo le condizioni di polizza sottoscritte. Ogni agricoltore ha liberamente scelto, tra tante possibilità, la copertura danni che riteneva più consona alle proprie esigenze, copertura, però, che non è ancora a 360°, spesso le condizioni di polizza imposte dalle Compagnie sono troppo stringenti rispetto alle esigenze aziendali e ciò può generare insoddisfazioni da parte degli agricoltori danneggiati”.

“Tuttavia, ricorda Lanzoni nella sua nota, nella stragrande maggioranza dei casi, dopo attente valutazioni viene raggiunto un accordo tra le parti anche se può succedere che le parti in causa abbiano una visione differente dei danni. I periti applicano le rigide condizioni di polizza mentre l’agricoltore stima il danno realmente subito nella sua globalità e non con il bilancino che segna punti diversi per grandine o vento piuttosto che eccesso di pioggia, siccità o quant’altro”. I

“Pertanto; conclude Lanzoni, invitiamo i Soci a cercare di raggiungere un accordo bonario che non li penalizzi troppo. Allo stesso tempo invitiamo anche i Soci che si trovassero in forte contrasto con le perizie dei periti di contattare, prima della firma del bollettino, i nostri uffici per analizzare il rispetto di tutte le clausole di polizza. Il Consorzio di Difesa darà anche indicazioni sui termini per espletare eventuale perizia d’appello”.

Se sono maturati i tempi per la raccolta del prodotto ed i periti non hanno ancora effettuato la perizia è necessario fare un sollecito anche tramite il Consorzio di Difesa e comunque, in caso di raccolta, è obbligo lasciare in campo idonei e congrui campioni rappresentativi al fine di evitare contestazioni per la stima dei danni subiti.

Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits