ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
10.6.2020   Giansanti a 'Fuori dal coro' interviene sulla sanatoria migranti irregolari    10.6.2020   Strategia “Farm to Fork”: presentazione in COMAGRI da parte della Commissione europea.    10.6.2020   Frutta italiana, Confagricoltura: Parte la campagna promozionale, ma il maltempo rovina la festa    10.6.2020   Confagricoltura a fianco delle imprese con nuovi programmi di formazione a distanza    10.6.2020   Fase 3, Confagricoltura: Priorità chiare e tempi certi per la ripresa economica    09.6.2020   L’intervento del Presidente Giansanti a Buongiorno in Blu sul Patto per l'Export e sul piano Colao    09.6.2020   Bando europeo di promozione dei prodotti agricoli    09.6.2020   Agrinsieme: “Florovivaismo, comparto sta lentamente tornando alla normalità, ma restano molti nodi da sciogliere: le proposte del coordinamento”    08.6.2020   Manodopera italiana anche in Emilia Romagna: le telecamere del TG2 nell'azienda Salvi    08.6.2020   Biodiversità nei terreni agricoli: il contributo della PAC non ne ha arrestato il declino.    08.6.2020   Pubblicato il regolamento delegato (UE) 2020/743 della Commissione, del 30 marzo 2020, che modifica il regolamento delegato (UE) 2017/891 per quanto riguarda il calcolo del valore della produzione commercializzata delle organizzazioni di produttori nel se    08.6.2020   Pubblicato il regolamento (UE) 2020/741 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 maggio 2020, recante prescrizioni minime per il riutilizzo dell’acqua    08.6.2020   Commercio internazionale: “Rilancio economico a rischio se torna tensione UE-USA”    08.6.2020   Patto per l’export: “Iniziativa utile anche per il rilancio dell’agroalimentare italiano”    05.6.2020   Ambiente, Confagricoltura: Agricoltori garanti della biodiversità    04.6.2020   Huffpost intervista i 'nuovi' lavoratori italiani nei campi    04.6.2020   Mais: Al via l'applicazione delle premialità previste dall'Accordo Quadro e dal sostegno ministeriale per gli agricoltori italiani    03.6.2020   Repubblica.it - Video - Dal tessile all'agricoltura: la storia di Massimiliano Cassina    03.6.2020   AGRI-Linea intervista Leonardo Granata (Agriturist) sulla riapertura degli agriturismi    03.6.2020   Andamento delle esportazioni dei principali prodotti agricoli e dell’industria alimentare dell’Italia verso i Paesi UE nel primo trimestre 2020   
Il Consorzio di difesa delle colture intensive scrive ai soci per raccogliere le segnalazioni dei danni da maltempo

Giuseppe Lanzoni, presidente del Consorzio di Difesa delle colture intensive afferente alla Libera associazione agricoltori cremonesi, a seguito di numerose segnalazioni di eventi atmosferici che hanno causato ingenti perdite alle colture ha scritto ai propri associati per informarli che i periti delle Compagnie di Assicurazione, secondo le condizioni di polizza, stanno effettuando diverse perizie per la quantificazione dei danni e dei relativi risarcimenti agli agricoltori che ne hanno fatto richiesta.

Nella lettera del Consorzio di difesa (codice 0404) si ricorda che “Ogni Compagnia o gruppi di Compagnie ha un proprio corpo peritale costituito da liberi professionisti che con professionalità, indipendenza e senza ingerenze devono quantificare i danni secondo le condizioni di polizza sottoscritte. Ogni agricoltore ha liberamente scelto, tra tante possibilità, la copertura danni che riteneva più consona alle proprie esigenze, copertura, però, che non è ancora a 360°, spesso le condizioni di polizza imposte dalle Compagnie sono troppo stringenti rispetto alle esigenze aziendali e ciò può generare insoddisfazioni da parte degli agricoltori danneggiati”.

“Tuttavia, ricorda Lanzoni nella sua nota, nella stragrande maggioranza dei casi, dopo attente valutazioni viene raggiunto un accordo tra le parti anche se può succedere che le parti in causa abbiano una visione differente dei danni. I periti applicano le rigide condizioni di polizza mentre l’agricoltore stima il danno realmente subito nella sua globalità e non con il bilancino che segna punti diversi per grandine o vento piuttosto che eccesso di pioggia, siccità o quant’altro”. I

“Pertanto; conclude Lanzoni, invitiamo i Soci a cercare di raggiungere un accordo bonario che non li penalizzi troppo. Allo stesso tempo invitiamo anche i Soci che si trovassero in forte contrasto con le perizie dei periti di contattare, prima della firma del bollettino, i nostri uffici per analizzare il rispetto di tutte le clausole di polizza. Il Consorzio di Difesa darà anche indicazioni sui termini per espletare eventuale perizia d’appello”.

Se sono maturati i tempi per la raccolta del prodotto ed i periti non hanno ancora effettuato la perizia è necessario fare un sollecito anche tramite il Consorzio di Difesa e comunque, in caso di raccolta, è obbligo lasciare in campo idonei e congrui campioni rappresentativi al fine di evitare contestazioni per la stima dei danni subiti.

Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits