ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
21.9.2019   Lavoro, Giansanti alle Giornate CGIL a Lecce: Un patto per favorire l'occupazione e la competitività delle imprese    20.9.2019   Confagricoltura Donna Emilia Romagna alla 'Race for the cure' Bologna dal 20 al 22 settembre, con stand e laboratori per bambini    20.9.2019   Farm-Inn, focus sugli allevamenti nel secondo anno del progetto di ricerca sulla filiera latte    20.9.2019   Il Parlamento europeo ha approvato 277 milioni di euro in aiuti per l’Italia per far fronte agli eventi metereologici estremi del 2018    20.9.2019   ComEnvi: pubblicato uno studio sulle sfide attuali e future riguardanti la sanità pubblica europea    20.9.2019   ComAgri: progetto di ordine del giorno della riunione del 25 settembre    20.9.2019   Il Parlamento europeo dà il via libera a Christine Lagarde nuova presidente BCE    20.9.2019   Incontro del Presidente Sassoli con l'on. Paolo Gentiloni    20.9.2019   Dazi, Giansanti: il Ceta è un buon accordo. Lo confermano i dati diffusi oggi dalla Commissione europea    19.9.2019   Il presidente di Confagricoltura Lombardia interviene al 'Dairy Summit 2019', l'appuntamento di riferimento per la filiera lattiero-casearia    19.9.2019   Bozza del calendario provvisorio delle "audizioni" dei Commissari designati    19.9.2019   Tavolo xylella, Confagricoltura: "Velocità, efficacia ed efficienza nella gestione delle risorse"    19.9.2019   Dl clima, Giansanti: bene l'estensione del bonus verde. Sui carburanti agricoli attenzione a non penalizzare il settore    18.9.2019   Il componente di Giunta Rossi alla Fiera del Levante al convegno “Aspettative di Confagricoltura dal mercato ungherese”, nell’ambito del “Focus Ungheria”    18.9.2019   Plenaria PE del 16 settembre – Comunicazione della Commissione UE sullo stato delle foreste dell'UE    18.9.2019   Dal 30 settembre all’8 ottobre le audizioni del Parlamento europeo con i nuovi Commissari UE    18.9.2019   Xylella: Confagricoltura chiede di attivare quanto prima le risorse stanziate con il decreto emergenze. In gioco il futuro di metà dell'olivicoltura pugliese    18.9.2019   Le eccellenze di Confagricoltura in mostra ad Osaka per i campionati mondiali di rugby    17.9.2019   Agriturist (Confagricoltura): Augusto Congionti è il nuovo presidente dell'associazione    17.9.2019   Bergami, presidente FNP frutta di Confagricoltura: “Occorre programmare, sbagliato lavorare in emergenza”   
CAMPAGNA CEREALICOLA: PRIMO BILANCIO CON MAINARDI E SOLDI

Amilcare Mainardi, presidente della Sezione cereali della libera

I cereali a paglia viste le condizioni meteo climatiche di tutta l’annata hanno avuto un andamento soddisfacente. Lo confermano, oltre ai dati produttivi in nostro possesso, anche quelli forniti dal Consorzio Agrario. Il grano tenero, soprattutto con i suoi grani di forza, ha avuto delle buone produzioni con rese tra i 65 ed i 70 q.li ettaro. Buone anche le caratteristiche sanitarie e qualitative con peso specifico superiore ad 80 e con un tenore proteico medio del 15%. Bene anche gli orzi, risultati di buona qualità, senza particolari problemi sanitari da segnalare e con produzioni di circa 60 q.li ad ettaro. Al contrario il grano duro è stato penalizzato dall’andamento meteo, le produzioni medie si sono attestate sui 45 q.li ettaro con peso specifico non particolarmente elevato e anche con qualche problema di carattere sanitario. Tra le leguminose difficoltà per la coltivazione del pisello proteico con importanti riduzioni delle rese, anche nell'ordine del 40%. Per la soia è ancora presto per sbilanciarsi e molto dipenderà dal clima di questo ultimo periodo estivo. Al di là degli andamenti produttivi le quotazioni risultano, in generale, insoddisfacenti ed in particolare l'orzo rispetto ad un anno fa è calato di oltre 30 euro a tonnellata). Tale livello di prezzi potrebbe influenzare negativamente anche le ormai prossime semine autunnali. Ritengo però che la programmazione dei piani culturali attraverso i contratti di filiera potrebbe essere d'aiuto a salvaguardare il reddito degli agricoltori.


Cesare Soldi, presidente Associazione Maiscoltori Italiani

Per quanto riguarda il mais, coltura principale della bassa Lombardia, la superficie coltivata in provincia di Cremona è stata abbastanza stabile, come confermano i dati Istat, circa 80 mila ettari in totale di cui 22 mila a granella e 57 mila ceroso. In Lombardia complessivamente si raggiungono quasi 500 mila ettari all’incirca con le stesse proporzioni tra granella e ceroso.
Le piogge dei primi di aprile hanno letteralmente fatto da “spartiacque” tra chi ha seminato a marzo, su terreni molto asciutti a causa del lungo periodo di siccità, e chi ha proceduto successivamente alle precipitazioni. In seguito le colture sono state soggette durante la fase di crescita a condizioni climatiche opposte: quelle di un maggio molto piovoso con temperature insolitamente rigide (i primi 15 giorni sono stati i più freddi degli ultimi 70 anni nel nostro Paese) e quelle di giugno che ha segnato il record di secondo mese più caldo di sempre.
Le prospettive finali non sono particolarmente brillanti: la posticipazione delle semine ha generato un gap nelle tempistiche, anche se non pesante come in Veneto o in Friuli dove in alcune zone le piogge hanno creato ritardi più gravi. La stagione quindi non è certo da annoverare tra quelle da ricordare: grande variabilità nelle produzioni con dati medi relativamente bassi. Per le rese del mais ceroso si stima in media una diminuzione di circa il 15%, mentre per la granella si attendono diminuzioni dell'ordine del 5%.
Parlando più in generale si può dire che la maiscoltura ha tenuto, sostenuta più dalla forte vocazione zootecnica territoriale che non dalla effettiva remunerazione del prodotto.
Sulla piazza di Milano questa settimana la quotazione è stata di 177,5 euro/t contro i 188,5 euro/t di un anno fa. E nel 2018 il valore medio annuo fornito dalla Società Granaria di Milano è stata di 184 euro/t. troppo bassa per garantire un reddito adeguato ai produttori. E la situazione non sembra destinata a migliorare. Secondo le ultime stime USDA, l'annata 2019/2020 sarà caratterizzata da un'ampia disponibilità di prodotto. Si registrano raccolti record in Brasile ed Argentina. Rese previste in crescita anche in Ucraina, Ungheria e Romania.
L'attuale scenario che si delinea per le produzioni USA, seppur in lieve flessione, sembra per ora non destare particolare preoccupazione sui mercati. Agli attuali livelli di giacenze, il tutto si sta traducendo quindi in una forte competitività a livello internazionale che pone un evidente effetto depressivo sui prezzi con un improbabile inversione di tendenza nel breve-medio termine.

Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits