AGRIcoltura100 – Il progetto che premia le aziende sostenibili – I° edizione

Sostenibilità ambientale unita alla sostenibilità economica

AGRIcoltura100 è una nuova iniziativa di Confagricoltura e Reale Mutua Assicurazioni, che ha l’obiettivo di promuovere il contributo dell’agricoltura alla crescita sostenibile e alla stessa rinascita del Paese dopo l’emergenza coronavirus.

AGRIcoltura100 vuole premiare le imprese che hanno adottato soluzioni o promosso iniziative finalizzate a migliorare la sostenibilità ambientale, sociale ed economica della propria attività e della comunità in cui operano.

Non esiste un modello unico di sostenibilità: le imprese agricole sono molto differenti per attività, dimensioni, contesti locali e sfide da affrontare. AGRIcoltura100 tiene conto di tutto questo e a tal fine ha predisposto un’indagine per misurare il grado di sostenibilità delle aziende, in tutte le sue possibili declinazioni.

La prima edizione ha visto la partecipazione di ben 1.850 imprese agricole di tutti i comparti produttivi e da tutte le regioni d’Italia. Il modello di analisi ha elaborato i dati di 234 variabili e prodotto per ogni azienda 17 indici, raggruppati in 4 aree:

E (Environment – Sostenibilità ambientale);

S (Social – Sostenibilità sociale);

G (Gestione – Gestione dei rischi e delle relazioni);

D (Development -Qualità dello sviluppo).

Sulla base dei dati raccolti è stato attribuito a ogni partecipante l’Indice AGRIcoltura100, che misura il livello di sostenibilità dell’impresa agricola.

Le aziende ricevono inoltre un servizio riservato di assessment di sostenibilità, che permette di valutare i risultati raggiunti e le aree di miglioramento, supportando così il loro impegno per diventare più sostenibili e competitive.

I risultati

I risultati relativi al primo Rapporto AGRIcoltura100, promosso da Reale Mutua in collaborazione con Confagricoltura e realizzato da Innovation Team del Gruppo Cerved, sono stati presentati ieri con intervento del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli. 

Sono inoltre intervenuti il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti; il direttore generale di Reale Mutua Luca Filippone; Enea Dallaglio, partner di Innovation Team, società di ricerca del Gruppo Cerved; Vittorio Amedeo Viora, amministratore di Reale Mutua Assicurazioni e vicepresidente dell’Accademia di Agricoltura di Torino.

PRIMO RAPPORTO AGRIcoltura100 – PRINCIPALI EVIDENZE

Una sensibilità diffusa per la sostenibilità

L’agricoltura italiana si dimostra un settore d’avanguardia in tema di sostenibilità: il 17,8% delle imprese ha infatti un livello di sostenibilità alto e il 30,3% medio-alto. Non emergono grandi differenze tra le aree geografiche e le attività produttive. L’impegno per la sostenibilità caratterizza tutte le fasce dimensionali: l’80% delle imprese più grandi ha un livello di sostenibilità alto o medio-alto, ma anche tra le aziende più piccole, con meno di 5 addetti, più di un terzo (34,2%) raggiunge quel livello.

La sostenibilità ambientale vede il maggior tasso di iniziativa

L’area della sostenibilità ambientale è quella in cui si registra il maggiore impegno delle imprese agricole, con iniziative finalizzate al miglioramento dell’efficienza nell’utilizzo delle risorse (97,9% di imprese attive), alla garanzia della qualità dei prodotti e della salute alimentare (88,4%), fino alle attività di gestione del rischio idrogeologico (56,8%), di gestione e riduzione delle emissioni (55,9%) e alle innovazioni per la sostenibilità ambientale (30,7%), come l’uso di dati per i processi gestionali e produttivi o di tecnologie di precisione.

Anche la sostenibilità sociale vede un impegno significativo: qui spiccano la valorizzazione del capitale umano (67,5%) – comprendente attività di formazione professionale ed extraprofessionale dei lavoratori, cooperazione con le scuole per l’inserimento dei giovani e attività di formazione sulla sostenibilità – e la sicurezza del lavoro (66,6%), con iniziative di formazione, controlli e certificazioni.

Nell’area della gestione dei rischi e delle relazioni, invece, il tasso di iniziativa più rilevante è quello della gestione dei rischi, che vede attive il 74,9% delle imprese con polizze assicurative contro gli eventi atmosferici, per la protezione del patrimonio aziendale e per la responsabilità civile. Forte anche l’impegno nei confronti delle comunità locali (60,9%) e nei rapporti con le reti e la filiera (56,8%).

Con la pandemia, è cresciuta l’importanza della sostenibilità nella cultura aziendale

L’emergenza Covid-19 ha anche determinato impatti significativi nella cultura aziendale: una buona metà delle imprese agricole dichiara che la sostenibilità è aumentata di importanza in tutte le aree, in primis quella ambientale (52,4%) fino a quella sociale (50,5%) e della gestione dei rischi e delle relazioni (48,7%).

La sostenibilità è una vera e propria leva di business per le imprese agricole

AGRIcoltura100 ha anche misurato la qualità dello sviluppo delle aziende agricole – l’area D (Development) – definita dai tre ambiti della qualità dell’occupazione, competitività e innovazione.

Ebbene: circa un’impresa agricola su tre (32,5%) in Italia ha un livello di qualità dell’occupazione alto o medio-alto, ed è quindi impegnata nell’offrire rapporti di lavoro stabile e di qualità, facilitando l’accesso e la formazione dei giovani e sostenendo il lavoro delle donne, con iniziative di tutela dei diritti e conciliazione vita-lavoro. Questo indice è correlato positivamente al livello generale di sostenibilità espresso dall’Indice AGRIcoltura100: le imprese con qualità dell’occupazione alta e medio-alta sono il 15,8% di quelle con livello base di sostenibilità, il 28,3% di quelle con livello medio, il 36,8% di livello medio-alto, e il 49,1% delle imprese con livello di sostenibilità alto.

Dati significativi anche in tema di innovazione, dove oltre un’impresa su tre (37,2%) ha un livello alto o medio-alto, anch’esso correlato positivamente con lo standard generale di sostenibilità.

Mettendo a fattor comune qualità dell’occupazione, competitività e innovazione, emerge che ben il 38,8% delle imprese agricole in Italia ha un indice di qualità dello sviluppo alto o medio-alto, e anche in questo caso traspare la robusta correlazione con l’Indice AGRIcoltura100. Pertanto: le imprese con un livello elevato di sostenibilità sono anche più sostenibili sotto il profilo economico: hanno una migliore qualità dell’occupazione (più lavoro continuativo, più donne e più giovani), sono più competitive e innovative. Investendo nella sostenibilità, dunque, le imprese agricole generano un impatto positivo sull’ambiente e la società e insieme rafforzano il proprio business e la capacità competitiva.

Le aziende premiate

Durante la mattinata, sono state premiate le prime tre imprese nello scoring dell’Indice AGRIcoltura100 e altre sei imprese che si sono particolarmente distinte per il loro impegno in specifici ambiti di sostenibilità.

Prime tre imprese classificate:

  • Società Agricola Barberani & C. S.S (Orvieto – TR, Umbria) – attività: viticoltura
  • Azienda Agricola Iori S.R.L. (Avezzano – AQ, Abruzzo) – attività: ortive
  • Società Agricola Cupidi Alessio e Leonardi Roberta S.S. (Gallese – VT, Lazio) – attività: azienda mista

Imprese con menzioni speciali:

  • ATTENZIONE ALL’IMPATTO AMBIENTALE: Tenuta Serravalle di Gerardo Diana (Mineo – CT, Sicilia) – attività: azienda mista
  • QUALITÀ DEL LAVORO E OCCUPAZIONE DEI GIOVANI: Podere Francesco Azienda Agricola Di Bruno D’Elpidio (Mosciano Sant’Angelo – TE, Abruzzo) – attività: fruttiferi-agrumi
  • GESTIONE DEL SUOLO: La Falchetta S.S.A. (Druento – TO, Piemonte) – attività: azienda mista
  • QUALITÀ ALIMENTARE: Sorrentino Vini S.R.L. Società Agricola (Boscotrecase – NA, Campania) – attività: viticoltura
  • RAPPORTI CON RETI, FILIERA E COMUNITÀ LOCALE: Società Agricola Anidagri S.R.L. (Borzonasca – GE, Liguria) – attività: azienda mista
  • VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI: Prato Del Vescovo Floricoltura (Albenga – SV, Liguria) – attività: floricoltura

Vai alla registrazione dell’evento.