Ambiente, salute e cibo: la forza dell’agricoltura

Fonte: La Provincia

Un patrimonio di proposte e di idee che si propongono come sfida al cambiamento, in nome della salute: dove il principio della cura (del suolo, dell’ambiente, degli animali e delle persone) indirizza nuovi modelli di progettazione, gestione, cura e manutenzione. E lo fa con un nuovo approccio, prima di tutto culturale, che mette al centro il valore degli alberi e degli spazi verdi, la qualità dei progetti e degli interventi, le competenze e le professionalità degli operatori. Si presenta così il Libro bianco del verde 2021, ‘lanciato’ il 12 ottobre a Roma da Confagricoltura ed Assoverde ed illustrato dai promotori in un incontro promosso a Lodi, al quale ha partecipato anche Riccardo Crotti, presidente di Confagricoltura Lombardia e della Libera Associazione Agricoltori Cremonesi.

Del folto e qualificato gruppo di relatori facevano parte – tra gli altri – il vicepresidente di Confagricoltura Matteo Lasagna, il governatore lombardo Attilio Fontana, Rosi Sgaravatti (presidente di Assoverde), Maria Chiara Gadda (deputata varesina di Italia Viva e componente della commissione agricoltura della Camera) ed Elena Grandi, assessore al verde del Comune di Milano e coautrice del Libro Bianco sul verde. Crotti ha spiegato che Confagricoltura ed Assoverde hanno voluto realizzare questo progetto per promuovere la diffusione del verde nelle città; nella prospettiva di una sempre crescente sostenibilità ambientale e di un bilancio positivo che solo le piante possono garantire, sottraendo CO2 e migliorando quindi la qualità dell’aria. Questo sottolinea una volta di più la centralità dell’agricoltura ed il suo ruolo insostituibile non solo in ordine alla produzione di cibo, ma anche a favore dell’ambiente e della salute dei cittadini. Un ruolo legato a doppio filo alla competenza ed alla professionalità degli imprenditori, che deve quindi essere riconosciuto. Cosa che troppo spesso non accade, anche in termini economici, a fronte di un servizio pubblico fondamentale che nessun’altra figura potrebbe assicurare.

Fonte: La Provincia 12/12/21