Anagrafe zootecnica, alcune importanti novità

La banca dati regionale verrà sostituita da quella nazionale a partire dal prossimo aprile

L’Unità operativa Veterinaria della Regione Lombardia ha fissato il calendario della dismissione graduale dell’anagrafe zootecnica regionale che verrà sostituita dall’accesso diretto a quella nazionale (Bdn). I primi ad essere coinvolti saranno gli allevamenti di bovini da latte e da carne, oltre a quelli bufalini, infatti, dal 31 marzo prossimo, è prevista ila dismissione delle funzionalità riguardanti gli animali della specie bovina/bufalina attualmente in uso. Quindi, dal primo aprile tutte le operatività informatiche relative agli animali della specie bovina/ bufalina – come, per citarne alcune, la registrazione e stampa dei modelli IV, registrazione degli eventi aziendali – dovranno avvenire utilizzando direttamente la Banca dati nazionale (Bdn), accessibile dal portale www.vetinfo.it.

A maggio, il secondo settore coinvolto sarà quello ovicaprino, mentre a dicembre sempre di quest’anno sarà la volta di quello suinicolo. Secondo le date che verranno comunicate anche le registrazioni relative ai capi della specie ovina, caprina e suina verranno fatte direttamente sull’anagrafe nazionale.

Per il momento rimangono gestite tramite la Bdr le funzionalità informatiche ad uso dei responsabili dei macelli (bovini, ovicaprini, suini, avicoli ed equini) finalizzate alla registrazione delle macellazioni. Analogamente anche le registrazioni delle macellazioni passeranno alla Banca dati nazionale.

Per quanto riguarda le modalità di registrazione e accesso, Regione Lombardia ha comunicato che dal prossimo primo marzo verranno modificate le modalità di accesso al portale dei Sistemi veterinari integrati (veterinaria.lispa.it). Quindi, a partire dall’inizio di marzo le nuove utenze potranno essere abilitate all’accesso unicamente tramite l’utilizzo della Crs/Cns (Carta regionale dei servizi/Carta nazionale dei servizi), o con l’identità Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

Gli allevatori che sono già abilitati all’accesso all’anagrafe regionale (Bdr) potranno continuare ad accedere agli applicativi utilizzando il consueto nome utente e password, ma solo sino alla naturale scadenza della stessa (la durata della password è di 90 giorni dall’ultimo rinnovo). Una volta scaduta la password, anche per questi utenti sarà necessario utilizzare una Crs/Cns e relativo codice pin o l’identità Spid per potere accedere agli applicativi.