Assemblea di Confagricoltura Lombardia, approvato il bilancio all’unanimità

Riccardo Crotti, presidente di Confagricoltura Lombardia

Si è conclusa positivamente l’assemblea regionale del 30 giugno – svoltasi in modalità online – tra tutti i presidenti delle Unioni provinciali di Confagricoltura Lombardia. Il Presidente regionale Riccardo Crotti racconta che tutte le decisioni sono state votate all’unanimità, anche l’approvazione del bilancio preventivo e quello consuntivo dell’Organizzazione sindacale.

Durante l’incontro c’è stato un proficuo confronto sulla nomina dei futuri presidenti delle Federazioni regionali di prodotto che avranno il compito di prendere in mano le principali questioni di ogni singolo settore per rafforzare l’attività di rappresentanza di Confagricoltura a livello regionale.

Dopo aver affrontato il tema del cambio di sede dell’Organizzazione, il presidente Riccardo Crotti ha preso parola per affrontare numerose questioni sindacali. “I nostri agricoltori e allevatori non riescono più a sostenere i costi di produzione a fronte dell’innalzamento dei prezzi delle materie prime e ad una paradossale diminuzione della retribuzione. Per questi motivi – ha continuato il presidente Crotti – si pone un grosso problema di sostenibilità economica delle nostre aziende agricole e tutti i comparti stanno soffrendo questa situazione. Sarà mia premura comunicare con il presidente nazionale questa difficoltà trasversale”. Il riferimento di Crotti è certamente all’attuale mercato delle carni e del latte, gli allevatori non riescono a coprire i costi con l’attuale riconoscimento economico e questo non è più tollerabile se consideriamo che il settore primario è stato il comparto che ha retto l’urto delle conseguenze economiche della pandemia, portando cibo sulle tavole degli italiani. A ciò si aggiunge un’altra difficoltà: “Non solo non vediamo riconosciuto il nostro lavoro, ma il costo delle materie prime continua a salire – specifica Crotti – e non è pensabile che un allevatore lombardo ottenga dal mercato 0,35 centesimi per litro di latte. Per fortuna che le esportazioni sono in una fase positiva – ha concluso Crotti -, ma il tempo che i nostri agricoltori dedicano in azienda agli obblighi burocratici rimane ancora eccessivo e per questo chiedo alle Istituzioni un maggior impegno per snellire gli obblighi per i nostri soci”.

Fonte: Confagricoltura Lombardia