Brexit, la pesca è l’ultimo nodo da sciogliere

Brexit, la prospettiva di un no-deal è sempre più vicina.

Il vero nodo dei negoziati continua a essere quello sui diritti di pesca; per provare a sbloccare la situazione, il Regno Unito ha avanzato la proposta di diminuire del 30% il valore del pesce catturato dalle barche dell’UE nelle acque britanniche, un calo sostanziale dalla richiesta del 60% della scorsa settimana. L’Unione europea ha, tuttavia, rifiutato qualsiasi riduzione superiore al 25%, spinta soprattutto dall’intransigenza di Francia e Danimarca.

“Respingiamo l’offerta del Regno Unito sulla pesca in quanto ritenuta inaccettabile – ha detto il capo negoziatore UE Michel Barnier – L’offerta dell’UE sta già causando problemi ad alcuni Stati membri e non può che essere l’offerta finale”.

Oltre al valore percentuale delle catture, le due parti stanno negoziando su quanto tempo sarà concesso ai pescatori per adeguarsi alle regole. Il Regno Unito ha chiesto all’UE di accettare un periodo di transizione di cinque anni dopo aver precedentemente suggerito tre anni. L’Unione europea aveva inizialmente chiesto 10 anni e ora ne ha offerti 7. L’UE vuole, inoltre, essere in grado di imporre tariffe al Regno Unito se, in futuro, il governo limiterà l’accesso alle sue acque.

L’accordo finale dovrebbe includere anche un meccanismo di compensazione: secondo la proposta del Regno Unito, se la quantità di pescato a disposizione dei pescatori europei venisse ulteriormente ridotta dopo la transizione, nel 2025 o 2027, i pescatori europei potrebbero essere compensati in base al valore degli stock ittici persi.

Fonte. Ansa