Campagna assicurativa 2020 delle colture vegetali: il contributo pubblico è pari al 30% della spesa ammessa

Per gli agricoltori che hanno sottoscritto contratti assicurativi rientranti nel regime delle polizze agevolate è in arrivo una brutta sorpresa: è stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 23 novembre scorso, il decreto del Mipaaf riguardante la presentazione delle domande di sostegno per la campagna assicurativa 2020 delle colture vegetali il quale stabilisce che, temporaneamente, il contributo pubblico da corrispondere è pari al 30% della spesa ammessa.

L’aliquota scende al 28% per le polizze che coprono solo due rischi.

Vale la pena ricordare che l’aiuto pubblico spettante agli agricoltori avrebbe

dovuto arrivare a coprire fino al 70% della spesa ammessa a contributo; aliquota che scende al 65% per le sole polizze che coprono due avversità, scelte tra quelle di frequenza (eccesso di neve, eccesso di pioggia, grandine, venti forti).

Il motivo è la momentanea carenza di risorse finanziarie disponibili per erogare i contributi a favore del regime delleassicurazioni agevolate.

È probabile che, una volta che sarà approvato il bilancio pluriennale comunitario per il settennio 2021-2027, l’incidente di percorso possa essere risolto in tempi ragionevoli.