Commissario agricoltura Wojciechowski: la guerra mina la sicurezza alimentare

Il Commissario per l’Agricoltura, Janusz Wojciechowski, durante il Consiglio Agricoltura che si è tenuto il 17 ottobre a Lussemburgo, ha illustrato ai Ministri dell’Agricoltura come la guerra in Ucraina rischi di causare un grave attacco alla sicurezza alimentare internazionale.

È stato sottolineato, durante il Consiglio, che l’iniziativa ‘Solidarity Lanes’, da maggio 2022, ha consentito esportazioni ucraine per più di 12,5 milioni di tonnellate di cereali, semi oleosi e prodotti oleosi. Questa iniziativa si è dimostrata un supporto all’economia ucraina e la parziale riapertura dei porti del Mar Nero, ha ricordato il Commissario, ha permesso la ripresa dei flussi commerciali. Il rischio, molto reale, di un mancato rinnovo dell’accordo sul grano del Mar Nero porterebbe gravi danni all’Ucraina, all’Unione Europea e a tutto l’approvvigionamento alimentare globale. Wojciechowski, ha sottolineato come, dall’avvio dell’iniziativa ad agosto, il livello delle esportazioni, in partenza dai porti ucraini, è stato pari a sei milioni di tonnellate di cereali e altri prodotti alimentari. Il Commissario ha evidenziato l’impegno dell’UE a continuare la stretta collaborazione con i partner globali; insieme agli Stati membri, la Commissione sta lavorando attraverso le Nazioni Unite, l’OMC e l’OCSE, nonché il G7 e il G20, per affrontare le conseguenze dell’insicurezza alimentare e per garantire il contrasto alle misure di distorsione del commercio. 

Il Commissario, Janusz Wojciechowski, ha ricordato l’importanza di quanto appreso dall’esperienza degli ultimi mesi: l’Unione Europea non dovrebbe mai più trovarsi nella posizione di avere una forte dipendenza da un singolo Paese per quanto riguarda i prodotti di base. Ha osservato che è proprio in situazioni come queste che entrano in gioco il commercio e la nostra autonomia strategica. È necessario diversificare i nostri mercati e le nostre fonti di approvvigionamento per evitare dipendenze indebite. 

Wojciechowski, ha riferito che stanno proseguendo i colloqui con l’Australia e i negoziati con l’India; sia per un accordo di libero scambio che per un accordo bilaterale sulle Indicazioni Geografiche (IG). Il Commissario ha sottolineato la volontà di migliorare gli aspetti sanitari e fitosanitari dell’accordo commerciale con questi Paesi: l’obiettivo è concludere i negoziati nel 2023. Gli elevati dazi all’importazione e le tasse interne sono i principali fattori che ostacolano le esportazioni dell’UE ed è importante che vengano rimossi, ha concluso Wojciechowski.

Fonte: Confagricoltura