Contributi agricoli unificati INPS. Differimento dei pagamenti relativi al periodo 1/11/20-31/01/21. Messaggio INPS

Si rende noto che, come anticipato con nostra comunicazione del 9 giugno u.s., l’INPS – di concerto con il Ministero del Lavoro – ha disposto il differimento in via amministrativa del pagamento della contribuzione agricola unificata afferente al periodo compreso tra il primo novembre 2020 e il 31 gennaio 2021 che, come noto, è interessato dall’esonero contributivo disposto dagli articoli 16 e 16 bis della legge n. 176/2020 (per i mesi di novembre e dicembre 2020) e dall’art. 19 della legge n. 69/2021 (per il mese di gennaio 2021).

Il rinvio – disposto con il messaggio INPS n. 2263 pubblicato nella tarda serata di ieri 11 giugno del 2021 – è motivato dai ritardi dell’Istituto nella predisposizione ed attivazione della procedura di presentazione dell’istanza di sgravio.

Ed infatti il messaggio precisa che il differimento avrà efficacia “fino alla definizione degli esiti della domanda di esonero”.

Viene inoltre precisato che il rinvio delle scadenze dei versamenti riguarda tutte le tipologie di contribuenti che rientrano nell’ambito di applicazione delle norme citate, e dunque sia i datori di lavoro che i lavoratori autonomi del settore agricolo.

Pertanto, il differimento riguarda nell’immediato anche la contribuzione relativa agli operai agricoli occupati nel IV trimestre 2020, in scadenza il prossimo 16 giugno.