CREFIS: a gennaio ripresa prezzi dei suini, ma ancora calo redditività

Il report mensile di Crefis evidenzia che nel mese di gennaio i prezzi dei suini da macello sono tornati a crescere su base mensile, pur mantenendosi su livelli decisamente più bassi di quelli fatti registrare nello stesso periodo dello scorso anno. Nonostante l’aumento dei prezzi dei suini da macello pesanti, l’ulteriore crescita delle quotazioni dei fattori di produzione (tornati sui livelli del 2013), ha portato ad un nuovo calo della redditività dell’allevamento di suini pesanti per il circuito tutelato, sia rispetto al mese precedente (-2,1%) che allo stesso mese dello scorso anno (-34,8%). Il prezzo medio mensile dei suini da macello destinati al circuito tutelato è stato pari a 1,243 euro/kg per gli animali di peso 160-176 kg, con un aumento del +2,4% rispetto al mese precedente; per quelli di peso 144-152 kg e 152-160 kg le quotazioni sono state pari rispettivamente a 1,153 euro/kg (+2,5%) e a 1,183 euro/kg (+2,5%). Restano negative le varia-zioni tendenziali, con valori intorno al -27%.

L’aumento dei prezzi dei suini da macello, unito al calo delle quotazioni dei lombi, ha portato ad una riduzione anche della reddittività della fase di macellazione, diminuita del -6,1% rispetto a dicembre. Nonostante il calo congiunturale, l’attuale livello si mantiene comunque al di sopra di quello dello scorso anno (+19,6%).

In ripresa, in termini congiunturali, la redditività degli stagionatori sia di prosciutti DOP che destinati al circuito tradizionale, con valori che restano comunque ben al di sotto di quelli dello scorso anno. In calo i prezzi dei suini (sia da macello che da allevamento) e dei lombi, mentre le quotazioni dei cereali hanno subito un forte rialzo.