Cumulabilità tra PSR e credito di imposta

Piano di Sviluppo Rurale

La Regione Lombardia per ribadire il concetto che la cumulabilità è ammissibile per i medesimi investimenti, a condizione che il sostegno cumulato sommando le due tipologie di aiuto non comporti il superamento dell’intensità del contributo pubblico prevista da una specifica tabella PSR (allegato II del Reg. UE n. 1305/2013), è tornata sul tema della cumulabilità tra le agevolazioni previste dal PSR 2014/2020 e il credito di imposta 4.0. Ciò comporta che:

• se l’intensità del credito di imposta è uguale o superiore alle percentuali della tabella: non c’è alcuna possibilità di cumulabilità

• se la somma delle percentuali di aiuto PSR e credito di imposta è inferiore alla percentuale in tabella: è possibile cumulare totalmente i due aiuti

• se la somma delle percentuali di aiuto PSR e credito di imposta è superiore alla percentuale in tabella: è necessario che in domanda di pagamento PSR si indichi una quota calcolata in base alla seguente formula specifica: (massimale previsto dalla tabella – aliquota credito d’imposta) / (aliquota finanziamento PSR).

Si è in attesa di sapere come vengano contemplate le casistiche nelle quali è stato richiesto un credito di imposta inferiore al fine di non superare, cumulandolo con l’aiuto PSR, la percentuale indicata in tabella.

Fonte: L’Agricoltore