Cun sperimentale Grano Duro

Si è svolto il primo incontro per l’istituzione della Commissione sperimentale nazionale sul grano duro con il coordinamento della Borsa merci telematica italiana. Il confrontotra le associazioni agricole aveva lo scopo di condividere la bozza di regolamento del funzionamento stesso della Commissione, costituendo un luogo di confronto tra produttori e trasformatori.

I lavori proseguiranno nelle prossime settimane per concordare ulteriori aspetti sul regolamento di funzionamento

“Si tratta di un giorno importante per la filiera cerealicola italiana che, da oggi, seppur nella forma sperimentale, potrà contare su uno strumento cruciale per la rilevazione dei prezzi delle varie tipologie di grano duro – ha dichiarato il sottosegretario alle Politiche agricole, Giuseppe L’Abbate, in apertura dei lavori -. Luogo di incontro in grado di incentivare le sinergie tra la parte produttrice e quella della trasformazione, la Commissione è il frutto di un lungo percorso iniziato sin dalla modifica normativa, da me promossa, nel 2015“. 

Confagricoltura, alcune osservazioni

Durante l’incontro sono state esaminate nel dettaglio la bozza di regolamento, nonché la scheda di mercato e la bozza di listino.

Confagricoltura ha già espresso alcune prime osservazioni tecniche quali la necessità di prevedere anche la definizione di una tendenza unica nazionale del prezzo e la possibilità di prevedere l’inserimento del prezzo del grano biologico, nonché di una categoria di grano “fino plus” con specifiche caratteristiche qualitative e sanitarie.
Per metà febbraio – informa Confagricoltura – è stato previsto un incontro dedicato solo alle organizzazioni agricole.