FAO: in lieve diminuzione indice prezzi alimentari, previsione produzioni riviste in rialzo

Il barometro dei prezzi mondiali delle materie prime alimentari è leggermente diminuito a giugno per il terzo mese consecutivo, ha riferito l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

L’ Indice FAO dei prezzi alimentari  ha raggiunto una media di 154,2 punti a giugno 2022, in calo del 2,3% rispetto a maggio. L’indice, che traccia le variazioni mensili dei prezzi internazionali di un paniere di materie prime alimentari comunemente scambiate, è rimasto, tuttavia, superiore del 23,1% rispetto a giugno 2021. Il calo di giugno ha rispecchiato il calo dei prezzi internazionali degli oli vegetali, dei cereali e dello zucchero, mentre sono aumentati i prezzi dei prodotti lattiero-caseari e della carne.

L’ Indice FAO dei prezzi dei cereali a giugno ha raggiunto una media di 166,3 punti, in calo del 4,1% rispetto a maggio, ma comunque del 27,6% al di sopra del valore di giugno 2021. I prezzi internazionali del grano sono diminuiti del 5,7% a giugno, ma sono rimasti del 48,5% al ​​di sopra dei valori di un anno fa. Il calo di giugno è stato determinato dalla disponibilità stagionale di nuovi raccolti nell’emisfero settentrionale, dal miglioramento delle condizioni delle colture in alcuni dei principali paesi produttori e dalle maggiori prospettive di produzione nella Federazione Russa. Anche i prezzi internazionali del grano grezzo sono diminuiti del 4,1%, ma sono comunque aumentati del 18,4% rispetto ai valori dell’anno precedente. I prezzi mondiali del mais sono diminuiti del 3,5% su base mensile a causa dell’aumento delle disponibilità stagionali in Argentina e Brasile e delle migliori condizioni di raccolto negli Stati Uniti d’America.

“Sebbene l’Indice FAO dei prezzi alimentari sia sceso a giugno per il terzo mese consecutivo, è rimasto vicino al massimo storico di marzo di quest’anno. I fattori che hanno spinto i prezzi globali in alto in primo luogo sono ancora in gioco, in particolare una forte domanda globale, condizioni meteorologiche avverse in alcuni dei principali paesi, alti costi di produzione e trasporto e interruzioni della catena di approvvigionamento dovute al COVID-19, aggravate dalle incertezze che ne derivano dalla guerra in corso in Ucraina”, ha affermato Máximo Torero Cullen, capo economista della FAO.

Nel frattempo, l’Indice FAO dei prezzi della carne ha raggiunto una media di 124,7 punti a giugno, in aumento dell’1,7% rispetto a maggio, stabilendo un nuovo record e superando del 12,7% il valore di giugno 2021. I prezzi mondiali di tutti i tipi di carne sono aumentati, con quelli della carne di pollame in forte aumento, raggiungendo il massimo storico, sostenuti dalle continue condizioni di approvvigionamento globale rigide colpite dalla guerra in Ucraina e dai focolai di influenza aviaria nell’emisfero settentrionale.

L’Indice FAO dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari  ha registrato una media di 149,8 punti a giugno, in aumento del 4,1% rispetto a maggio e del 24,9% rispetto al valore di giugno 2021. A giugno sono aumentati i prezzi internazionali di tutti i prodotti lattiero-caseari. I prezzi del formaggio sono aumentati maggiormente, sostenuti principalmente da un’impennata nella domanda di importazioni di forniture spot a causa dei timori del mercato sulla disponibilità di forniture nel corso dell’anno. I prezzi mondiali del latte in polvere sono aumentati a causa della forte domanda di importazioni e della persistente mancanza di offerta globale.

LA FAO ALZA LE SUE PREVISIONI PER LA PRODUZIONE CEREALICOLA MONDIALE

La previsione della FAO per la produzione globale di cereali nel 2022 è stata aumentata di 7 milioni di tonnellate a luglio rispetto al mese precedente ed è ora fissata a 2.792 milioni di tonnellate, secondo il nuovo  Cereal Supply and Demand Brief . Questo è ancora lo 0,6% inferiore alla produzione mondiale nel 2021.

L’aumento mensile si basa principalmente su una revisione al rialzo di 6,4 milioni di tonnellate apportata alle previsioni di produzione di grano grosso, con la produzione mondiale che ha raggiunto i 1.501 milioni di tonnellate nel 2022, solo lo 0,5% in meno rispetto al risultato del 2021.

Anche la previsione per l’utilizzo mondiale dei cereali nel 2022/23 è stata aumentata, con un aumento di 9,2 milioni di tonnellate a 2.797 milioni di tonnellate, ma è ancora di 1,7 milioni di tonnellate (0,1%) al di sotto del livello del 2021/22, riflettendo principalmente le aspettative di un minore utilizzo di mangimi.

Con 854 milioni di tonnellate, le previsioni della FAO per le scorte cerealicole mondiali alla fine della stagione nel 2023 sono in aumento di 7,6 milioni di tonnellate rispetto al mese precedente, ma puntano ancora a una contrazione dello 0,6% su base annua (5 milioni di tonnellate). A questo livello, il rapporto tra stock di cereali e consumo globale scenderebbe dal 30,7% nel 2021/22 al 29,8% nel 2022/23.

L’ultima previsione della FAO per il commercio mondiale di cereali nel 2022/23 è di 468 milioni di tonnellate, in aumento di 4,8 milioni di tonnellate rispetto al mese scorso, ma rappresenta il livello più basso in tre stagioni e una diminuzione di 11,4 milioni di tonnellate (2,4%) rispetto al volume del 2021/22 . A causa della maggior parte del calo, si prevede che il commercio di cereali grezzi si contrarrà del 4,1% (9,5 milioni di tonnellate) nel 2022/23 (luglio/giugno) rispetto al livello stimato per il 2021/22, in gran parte dovuto alle perdite di mais legate alla guerra e le esportazioni di orzo dall’Ucraina.

Rapporto sulle prospettive delle colture e sulla situazione alimentare

La FAO valuta che 46 paesi, di cui 33 in Africa, 10 in Asia, due in America Latina e Caraibi e uno in Europa, hanno bisogno di assistenza esterna per il cibo, secondo l’ultimo  Rapporto sulle prospettive delle colture e sulla situazione alimentare , pubblicato dalla FAO Sistema globale di informazione e di allerta precoce ( GIEWS ). Questo elenco ora include l’Ucraina, dove la guerra ha provocato un numero significativo di sfollati, e lo Sri Lanka, che sta attraversando una crisi multidimensionale che ha portato a prezzi elevati e grave carenza di prodotti essenziali.