Giornata mondiale del latte 2022: la filiera cremonese pronta alle nuove sfide

C’è la sfida di una vera sostenibilità (non solo ambientale e sociale, ma anche economica) per la filiera cremonese al centro della Giornata mondiale del latte, che la Libera Associazione Agricoltori organizza mercoledì 1° giugno in collaborazione con l’Università Cattolica.

Appuntamento alle 9.30 presso il Padiglione 1 del Centro Congressi di CremonaFiere con ospiti di grande livello. In scaletta, i saluti del presidente Riccardo Crotti, del sindaco Gianluca Galimberti e di Mirko Signoroni, che guida l’Amministrazione Provinciale. Poi la tavola rotonda dedicata al percorso del latte dal produttore al consumatore: modera il direttore de La Provincia Marco Bencivenga ed intervengono Massimiliano Giansanti (presidente di Confagricoltura), il sottosegretario al Mipaaf Gian Marco Centinaio, Piero Frazzi (direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna), Giovanni Guarneri (coordinatore nazionale del settore lattiero caseario dell’Alleanza Cooperative Agroalimentari), Guendalina Graffigna (professore ordinario di Psicologia dei consumi e della salute alla Cattolica) e Marco Trevisan, preside della Facoltà di Scienze agrarie, alimentari e forestali alla Cattolica.

“Oggi – spiega il presidente Crotti – anche il settore lattiero caseario è chiamato a fronteggiare al meglio il tema della sostenibilità nelle sue tre differenti declinazioni, tutte strettamente interconnesse tra loro: quelle economica (perché le imprese non possono lavorare in perdita), sociale ed ambientale. Conciliarle al meglio è essenziale per garantire a tutti e stabilmente il cibo: di qualità, sicuro e ad un prezzo comunque accessibile. Un obiettivo comune, per il quale tutti gli attori della filiera devono fare la loro parte. E farla insieme”.