Il Consiglio dell’UE ha adottato il regolamento sulla liberalizzazione temporanea degli scambi con l’Ucraina

Il Consiglio dell’UE ha adottato il regolamento relativo alla liberalizzazione temporanea degli scambi che integra le concessioni commerciali applicabili ai prodotti ucraini a norma dell’accordo di associazione tra l’Unione europea e la Comunità europea dell’energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l’Ucraina, dall’altra.

Le nuove regole consentono la liberalizzazione temporanea, per un anno, degli scambi e prevedono altre concessioni commerciali in relazione a determinati prodotti provenienti dall’Ucraina. Per un periodo di un anno tutte le esportazioni ucraine verso l’UE saranno esenti da dazi all’importazione, al fine di sostenere in modo significativo l’economia ucraina.

L’aggressione russa nei confronti dell’Ucraina ha avuto un impatto notevole sulla capacità di produzione e sulle infrastrutture di trasporto del Paese, sull’accesso di quest’ultimo al Mar Nero ed in generale sulla sua capacità di commerciare con altri Paesi, con conseguenze importanti sulla sicurezza alimentare, sia a livello interno sia sul piano internazionale.

Il regolamento si applicherà per un anno e sospenderà in particolare:

  • l’applicazione di tutte le tariffe non ancora liberalizzate di cui al titolo IV dell’accordo di associazione tra l’UE e l’Ucraina che istituisce una zona di libero scambio globale e approfondita (DCFTA). La sospensione riguarda in particolare i prodotti industriali soggetti all’eliminazione graduale dei dazi entro la fine del 2022, i prodotti ortofrutticoli soggetti al regime dei prezzi di entrata nonché i prodotti agricoli ed i prodotti agricoli trasformati soggetti ai contingenti tariffari;
  • la riscossione dei dazi antidumping sulle importazioni originarie dell’Ucraina;
  • l’applicazione del regime comune applicabile alle importazioni per quanto riguarda le importazioni originarie dell’Ucraina.

Il Parlamento europeo, nella Plenaria del 19 maggio scorso, aveva approvato la proposta di regolamento della Commissione europea.

Il regolamento sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’UE; entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione.

Fonte: Confagricoltura