Il PNRR e l’agricoltura 4.0: il ruolo del biogas e biometano

A Montichiari (BS) si è tenuto l’evento di approfondimento del progetto Biogas4.0, finanziato dal FEASR-Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 di Regione Lombardia, e dedicato ai ricercatori e professionisti del settore agricolo. L’evento, organizzato dal Consorzio Italiano Biogas – CIB, capofila di progetto, in collaborazione con il partner Consorzio Italbiotec, ha illustrato alle aziende agricole le opportunità di innovazione che potranno derivare dalle risorse del PNRR.

L’agricoltura italiana è un settore di primaria importanza che svolge un ruolo strategico all’interno del mercato, con un grande potenziale nel contesto della bioeconomia, in termini di gestione efficiente delle risorse e in linea con le diverse esigenze dei territori. Nonostante i rallentamenti dovuti all’emergenza sanitaria da Covid-19, i cui effetti sono ancora in atto, il mercato italiano dell’agricoltura 4.0 sta registrando un trend in crescita. Nel 2020 ha generato un fatturato che si attesta attorno ai 540 milioni di euro, ottenendo un +20% rispetto al 2019. Il mercato nazionale dell’Agritech si avvale della disponibilità di 538 soluzioni tecnologiche innovative di agricoltura 4.0 dedicate alle coltivazioni in campo che porteranno a un’accelerazione tecnologica delle imprese agricole alla ricerca della sostenibilità e innovazione nel settore.

Attraverso il progetto Biogas4.0 si sta validando una innovativa tecnologia di coltivazione basata sulla distribuzione efficiente di digestato da biogas. Durante l’evento, particolare importanza è stata data al settore del biometano agricolo per promuovere l’innovazione con gli obiettivi di sostenibilità e al PNRR per discutere degli investimenti cantierabili nella filiera agricola.

Fonte: Rinnovabili.it