ISMEA: Bando “Più Impresa – Imprenditoria giovanile e femminile in agricoltura”

A fine ottobre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto MIPAAF del 20 luglio 2022 relativo alle misure in favore dell’autoimprenditorialità giovanile e femminile in agricoltura noto come “Più impresa”. La presentazione delle domande sarà a sportello (fino ad esaurimento dei fondi) su portale Ismea dalle ore 10 del 10 novembre 2022.

La misura prevede mutui agevolati (tasso zero) e contributi a fondo perduto (fino al 35% della spesa per investimenti) a favore dei giovani e delle donne che controllano imprese agricole ed eseguono un progetto di sviluppo con investimenti di natura materiale e immateriale.

Carta d’identità della misura

  1. A cosa serve: favorire il ricambio generazionale in agricoltura ed ampliare aziende agricole esistenti condotte da giovani o donne.
  2. A chi si rivolge: micro, piccole e medie imprese agricole organizzate sotto forma di ditta individuale o di società, composte da giovani di età compresa tra i 18 e i 41 anni non compiuti, ovvero da donne, con i seguenti requisiti:
    1. subentro: imprese agricole costituite da non più di 6 mesi con sede operativa sul territorio nazionale, con azienda cedente attiva da almeno due anni, economicamente e finanziariamente sana; in caso di società la maggioranza numerica dei soci e delle quote di partecipazione in capo ai giovani ovvero donne, ove non presente, deve sussistere alla data di ammissione alle agevolazioni;
    2. ampliamento: imprese agricole attive da almeno due anni, con sede operativa sul territorio nazionale, economicamente e finanziariamente sane.
  1. Caratteristiche dell’intervento
    1. Investimenti fino a euro 1.500.000 (IVA esclusa);
    2. mutuo agevolato, a tasso zero, per un importo non superiore al 60 per cento delle spese ammissibili, di durata fino a 15 anni;
    3. contributo a fondo perduto, per un importo non superiore al 35 per cento delle spese ammissibili.
  2. Cosa finanzia: progetti di sviluppo o consolidamento nei settori della produzione agricola, della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e della diversificazione del reddito agricolo. In particolare sono ammissibili:
    1. le spese per lo studio di fattibilità sono ammissibili nella misura del 2 per cento del valore complessivo dell’investimento da realizzare; inoltre la somma delle spese relative allo studio di fattibilità, ai servizi di progettazione sono ammissibili complessivamente entro il limite del 12 per cento dell’investimento da realizzare;
    2. le spese per lo studio di fattibilità, nella misura massima del 2% del valore complessivo del progetto;
    3. le spese per lo studio di fattibilità e per i servizi di progettazione, nella misura massima del 12% del valore complessivo del progetto;
    4. le spese relative alle opere agronomiche, per i soli progetti nel settore della produzione agricola primaria;
    5. le spese relative alle opere edilizie e oneri per il rilascio della concessione;
    6. le spese per l’acquisto terreni, nella misura massima del 10% del valore complessivo del progetto.

La potenzialità dei nuovi impianti di trasformazione non deve essere superiore al 100% della capacità produttiva, stimata a regime, dell’azienda agricola oggetto dell’intervento.
Per le attività di agriturismo e le altre attività di diversificazione del reddito agricolo le agevolazioni sono concesse in regime de minimis nel limite massimo di euro 200.000.
Le spese effettuate devono essere rendicontate per Stato Avanzamento Lavori (nel numero massimo di cinque) al fine di ottenere l’erogazione delle corrispondenti quote di agevolazioni.

  1. Cosa non finanzia: diritti di produzione, animali e piante annuali, lavori di drenaggio, impianti per la produzione di biocarburanti e per la produzione di energia termica ed elettrica da fonti rinnovabili, investimenti di sostituzione di beni preesistenti, lavori in economia, impianti e macchinari usati, capitale circolante.
  2. Garanzie: L’impresa beneficiaria deve fornire garanzie di valore pari al cento per cento del mutuo agevolato concesso, anche acquisibili nell’ambito degli investimenti da realizzare, per una durata almeno pari a quella del mutuo agevolato concesso dall’ISMEA. Sono ammissibili:
    1. ipoteca di primo grado su beni oggetto di agevolazioni, oppure su altri beni della beneficiaria o di terzi, in alternativa o in aggiunta,
    2. fideiussione bancaria o assicurativa a prima richiesta.

Il bando: https://www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/9406