La Commissione UE estende le flessibilità dei controlli della PAC per il 2021

Con le restrizioni ancora in vigore in tutta l’UE, la Commissione ha adottato le regole per estendere fino al 2021 le flessibilità per lo svolgimento dei controlli necessari per il sostegno della PAC. Queste norme mirano ad alleggerire l’onere amministrativo degli organismi pagatori nazionali adattandosi alle circostanze attuali pur garantendo i controlli necessari per il sostegno della PAC.

Le norme consentono di sostituire le visite in azienda con l’uso di fonti di prova alternative, comprese nuove tecnologie come immagini satellitari o foto geotaggate, garantendo controlli affidabili, rispettando la limitazione dei movimenti e, infine, riducendo al minimo i contatti fisici tra agricoltori e ispettori. Inoltre, queste includono flessibilità in merito ai requisiti temporali per i controlli, consentendo agli Stati membri di posticipare i controlli fino alla revoca delle limitazioni. Inoltre, le norme comprendono una riduzione del numero di controlli fisici in loco da effettuare per le misure relative alla superficie e agli animali nell’ambito dei pagamenti diretti e dello sviluppo rurale, gli investimenti nello sviluppo rurale e le misure di mercato per la frutta, la verdura, il vino, settori dell’olio d’oliva e dell’apicoltura.

Le regole si applicheranno retroattivamente per coprire i controlli dall’inizio del 2021.

Fonte: Commissione Europea