Latte, segnali di recupero

Il prezzo medio del latte europeo e le quotazioni del latte spot ancora in rialzo. Bene i “grana”, premiati dalla politica di contenimento della produzione


Nella seduta del 25 gennaio il prezzo del latte spot registra un incremento del 5,6%, raggiungendo quota 35,25 euro al quintale. Mostrano un rialzo anche le quotazioni dello spot di provenienza francese (34,12 euro al quintale, più 5%) e di quello tedesco (35,62 euro al quintale, più 4,8%). Nonostante si siano registrati dei rialzi, i prezzi di quest’anno risultano inferiori a quelli dello scorso anno, sia per lo spot italiano ( -11,9%) sia per quello francese e tedesco.

È presto per dire se il mercato sia di fronte a una svolta, sebbene si tratti di un cambiamento di passo. Bisogna attendere i mesi successivi per valutare il trend. 

Andamento del prezzo del latte spot italiano
(Fonte: © Assolatte)

Il prezzo del latte a livello Ue

I dati per il mese di novembre dello scorso anno della Commissione europea sulle quotazioni medie del latte nella Ue, riportate dalle analisi della Commissione europea, mostrano una tendenza all’aumento che coinvolge tutti i segmenti, dal latte al burro, al latte in polvere intero e scremato. 

I mercati mondiali

Se si analizza l’andamento dei prezzi dei principali prodotti caseari sui mercati mondiali durante la prima settimana di gennaio 2021, si nota un disallineamento fra i principali player del settore.
La sostanziale stabilità del mercato europeo non trova corrispondenza nella crescita delle quotazioni sui mercati di Australia, Nuova Zelanda e Usa, con l’eccezione del burro, in forte calo sul mercato statunitense.
Segnali che sembrano voler indicare come i mercati stiano reagendo diversamente anche in relazione all’andamento dell’emergenza sanitaria e del suo condizionamento sui consumi.

Il recupero dei “grana”

Lascia spazio all’ottimismo l’andamento del prezzo del Grana Padano, punto di riferimento per la formazione del prezzo del latte in tutta Italia e non solo nell’area di produzione della Dop.
Le rilevazioni di Ismea parlano di un prezzo medio di 8,3 euro per chilogrammo in dicembre, con un aumento del 3,3% rispetto al mese precedente e un più 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2019.
Bene anche il Parmigiano Reggiano che rispetto al dicembre 2019 quota il 3,6% in più (11,17 euro al kg).
Aumenti di prezzo sono poi continuati anche nelle prime settimane di gennaio.

Fonte: Agronotizie

Su questo argomento leggi anche:

Report Milk Market Observatory di Dicembre 2020 

Prezzo Latte Spot 25 gennaio