LOMBARDIA, divieto spandimento FANGHI agricoli

La Lombardia vieta per la campagna 2020-2021 lo spandimento dei fanghi da depurazione per uso agronomico in 167 Comuni del territorio lombardo. E lo fa con un decreto che autorizza l’impiego dei fanghi per uso agronomico solo su terreni non localizzati in comuni in cui la produzione di effluenti da allevamento, dovuta al carico zootecnico, superi il limite fissato dalla Direttiva nitrati e dalla norma regionale di settore (170 kg N/ha/anno per le zone vulnerabili; 340 kg N/ha/anno per le zone non vulnerabili).

Si fa presente inoltre che “l’impiego dei fanghi di depurazione non è mai consentito su terreni che ricevono effluenti di allevamento”. Per la provincia di Cremona sono 43 i comuni interessati: Agnadello, Bagnolo Cremasco, Camisano, Capergnanica, Cappella Cantone, Capralba, Casale Cremasco – Vidolasco, Casaletto Ceredano, Casaletto Di Sopra, Casaletto Vaprio, Castel Gabbiano, Castelleone, Chieve, Cremosano, Crotta d’Adda, Cumignano Sul Naviglio, Dovera, Formigara, Gombito, Izano, Malagnino, Monte Cremasco, Moscazzano, Palazzo Pignano, Pandino, Pessina Cremonese, Pieve San Giacomo, Pizzighettone, Quintano, Ricengo, Ripalta Guerina, Rivolta d’Adda, Romanengo, San Bassano, Sergnano, Soncino, Spino d’Adda, Stagno Lombardo, Ticengo, Trescore Cremasco, Trigolo, Vescovato.