Ministero della Salute: pubblicato l’Atto di Indirizzo per il 2021 con ampio spazio in ambito veterinario

Il Ministero della Salute ha pubblicato l’“Atto di indirizzo per l’individuazione delle priorità politiche per l’anno 2021”. Il documento, diviso in otto macroaree, dedica la settima alla “Promozione degli interventi per la salute pubblica veterinaria e per la sicurezza degli alimenti”.

La sanità pubblica veterinaria sta vivendo un periodo di forte rinnovamento, ciò implica la necessità di rendere più efficiente l’intero sistema a vantaggio della collettività e della filiera agroalimentare, come si legge nel documento. L’obiettivo è di cambiare definitivamente il volto della sanità animale italiana. Il contrasto alle principali malattie animali, il benessere animale, il consumo responsabile dei medicinali veterinari, il miglioramento e l’armonizzazione dei sistemi di controllo, l’utilizzo del macello come osservatorio epidemiologico e le misure di biosicurezza, risultano sempre di più connessi tra loro rendendo di fatto necessario un approccio integrato che valorizzi la collaborazione tra autorità competenti, operatori e professione veterinaria.

In un quadro così complesso il Ministero, ha elaborato una strategia di ampio respiro lavorando ad una serie di progetti con l’obiettivo sfidante di cambiare definitivamente il volto della sanità animale italiana. La sfida per il 2021 è dunque quella di finalizzare l’attività intrapresa implementando e sviluppando le iniziative ed i sistemi avviati nel 2019 e nel 2020 (armonizzazione dei controlli ufficiali lungo la filiera agroalimentare, sistema di classificazione degli allevamenti in base al rischio, tracciabilità dei medicinali veterinari e ricetta elettronica veterinaria). Tutte le attività ed i progetti in via di sviluppo sono in linea con la strategia elaborata in ambito europeo in materia di sanità e benessere animale tradotta nelle recenti normative europee di settore ed, in particolare, nel regolamento UE 2017/625 in applicazione dal 14 dicembre 2019 concernente i controlli ufficiali lungo la filiera agroalimentare, nel regolamento UE 2016/429 in applicazione dal 21 aprile 2021, relativo alla normativa quadro in materia di sanità animale e nei Regolamenti sui medicinali veterinari UE 2019/4, 2019/5, 2019/6. L’attuazione delle suddette normative europee offre spunti ed opportunità per avviare un necessario processo di revisione e semplificazione della vigente normativa ma anche di ammodernamento organizzativo e gestionale delle autorità competenti, che proseguirà nel 2021 chiarendo, nel contempo, compiti e responsabilità nell’ambito della tutela della sanità e del benessere animale.

Gli argomenti affrontati nel documento sono i seguenti:

  1. Emergenza Covid-19
  2. Antibiotico resistenza
  3. Categorizzazione degli allevamenti in base al rischio
  4. Benessere animale
  5. Export “Internazionalizzazione della veterinaria italiana”
  6. Brexit
  7. Lotta alle principali malattie animali
  8. Ricerca internazionale
  9. Sistema di identificazione e registrazione degli animali (Anagrafe zootecnica)
  10. Sicurezza degli alimenti e nutrizione
  11. Valutazione del rischio della catena alimentare

Per maggiori informazioni clicca qui.