Occupazione in agricoltura: +9 mila posizioni tra 2019 e 2020

Secondo la nota sull’occupazione nel quarto trimestre 2020 diffusa da Ministero del Lavoro, Istat, Inps, Inail e Anpal, in un approfondimento riguardante “la dinamica giornaliera dei flussi di assunzioni e cessazioni nel 2020”, le contrazioni – rispetto al volume delle posizioni lavorative perse nel confronto 2020 e 2019 – hanno riguardato l’industria (-13 mila posizioni al 31 dicembre 2020) e, soprattutto, i servizi (-110 mila posizioni al 31 dicembre 2020); l’agricoltura presenta invece una dinamica in controtendenza, segnando un aumento  di 9 mila posizioni.

Ancora una volta il settore testimonia la sua importanza non solo a livello culturale, ma anche a livello economico, dimostrandosi un motore fondamentale per il Paese. Con oltre 522 miliardi di euro, il sistema agroalimentare italiano rappresenta il 15% del PIL nazionale: primi in Europa per valore aggiunto agricolo.