Produzione agricola Ue sale del 2,4% nel 2019

Secondo i dati finali emessi da Eurostat, l’ufficio statistico dell’unione europea, i conti economici dell’agricoltura mostrano che la produzione agricola totale nell’Unione Europea (UE) si è attestata nel 2019 a € 418,0 miliardi in prezzi base, in aumento del 2,4% rispetto al 2018.

Nel 2019, l’equivalente del 56,6% (236,5 mld – miliardi di euro) del valore della produzione agricola generata è stato speso per consumi intermedi (beni di consumo e servizi), mentre il valore aggiunto lordo (ovvero il valore della produzione meno il valore dei consumi intermedi) era al 43,4% (€ 181,5 mld). La combinazione dell’aumento del valore della produzione agricola e un aumento limitato dei consumi intermedi (+ 0,8%) ha determinato un forte aumento del valore aggiunto lordo (+ 4,5%) generato dall’industria agricola dell’UE nel 2019 rispetto al 2018.

Con 77,0 miliardi di euro (circa il 18% del totale dell’UE) nel 2019, la Francia ha registrato la produzione agricola totale più elevata tra gli Stati membri, seguita da Germania (58,2 miliardi di euro, 14%), Italia (57,8 miliardi di euro, 14%) e Spagna (51,7 miliardi di euro, 12%), Paesi Bassi (29,1 miliardi di euro, 7%), Polonia (26,4 miliardi di euro, 6%) e Romania (19,0 miliardi di euro, 5%).

Il più alto aumento della produzione agricola in Lettonia

In tre quarti degli Stati membri dell’UE, il valore della produzione agricola è aumentato nel 2019, mentre negli altri Stati membri dell’UE è diminuito. Gli aumenti più elevati, in termini relativi, sono stati registrati in Lettonia (+ 21,1%) ed Estonia (+ 16,1%). Al contrario, il valore della produzione agricola è diminuito maggiormente in Slovenia (-3,3%) e Slovacchia (-2,4%). Tra gli Stati membri con la maggiore industria agricola, il valore della produzione agricola totale è aumentato del 10,6% in Germania, mentre è leggermente diminuito in Francia (-1,6%), Italia (-1,2%) e Spagna (-0,9%).

Aumenti per segale e frumento segalato, luppolo, patate, suini e latte

Una variazione di prezzo o di volume, o una combinazione dei due, influenza il valore della produzione agricola.

Il valore della produzione agricola dell’UE è aumentato dell’1,8%, con un aumento del volume del 2,2% e dei prezzi in calo dello 0,3%. L’aumento è dovuto principalmente agli aumenti del 29,5% per segale e frumento segalato, del 23,5% per il luppolo, del 20,4% per le patate e del 15,3% per l’olio d’oliva.

La produzione animale dell’UE è aumentata in valore (+ 3,6%) nel 2019 rispetto al 2018, con prezzi in aumento del 3,5% e volume stabile. Il valore più elevato nel 2019 è dovuto principalmente agli aumenti del 14,6% per i suini, del 3,2% per il latte e dell’1,8% per ovini e caprini, principalmente a seguito di aumenti dei prezzi.

Sebbene il valore dei servizi agricoli (produzione) sia aumentato del 2,0% nel 2019 rispetto al 2018, parzialmente compensato dalla diminuzione delle altre attività agricole (inseparabili), il loro impatto sull’evoluzione complessiva della produzione agricola non è significativo.

I costi dei fattori di produzione agricoli dell’UE (consumi intermedi) sono leggermente aumentati in valore (+ 0,8%). L’incremento è dovuto principalmente al maggior valore delle scorte di sementi e piantine (+ 4,5%) e alla manutenzione degli edifici (+ 3,0%), anche se parzialmente compensato da una diminuzione di energia elettrica e gas.