Rapporto ISAAA sullo stato globale delle colture biotecnologiche commercializzate 2019

Salvaguardare la sicurezza alimentare è fondamentale.

Le Nazioni Unite stimano che l’interazione di fattori attuali diversi, come l’alto tasso di popolazione, l’instabilità politica, il degrado delle risorse naturali, la migrazione forzata (dalle fattorie alle comunità urbane) e la pandemia COVID 19, possa avere un impatto significativo sulla sicurezza alimentare a livello globale. Le azioni da intraprendere devono quindi essere più audaci e forti in termini di collaborazione multisettoriale, per coinvolgere l’agricoltura, l’alimentazione, la salute, l’acqua e i servizi igienico-sanitari. Queste misure non possono essere prese da sole, ma devono essere accompagnata da azioni in materia di protezione sociale, pianificazione dello sviluppo e politica economica.

I benefici socio-economici delle colture biotecnologiche sono stati documentati negli ultimi 23 anni (1996-2018) dimostrando che queste hanno contribuito a:

  • aumentare la produttività che contribuisce alla sicurezza globale di alimenti, mangimi e fibre;
  • sostenere l’autosufficienza sui terreni coltivabili di una nazione;
  • preservare la biodiversità, impedire la deforestazione;
  • mitigare le sfide associate al cambiamento climatico;
  • migliorare i benefici economici, sanitari e sociali.

I risultati della ricerca

I dati che emergono mostrano che dall’inizio della commercializzazione nel 1996 fino al 2011 i paesi sviluppati erano soliti piantare più colture biotecnologiche con il risultato che l’area globale delle colture biotecnologiche era distribuita uniformemente. Nel 2012, si è assistito a un cambio di rotta per cui i paesi in via di sviluppo hanno costantemente sovraperformato i paesi sviluppati. Nel 2019, il 56% della superficie globale di colture biotecnologiche è stata piantata nei paesi in via di sviluppo. Dei 29 paesi che hanno adottato colture GM nel 2019, 24 erano in via di sviluppo e 5 erano paesi sviluppati.

I primi 5 paesi che guidano le coltivazioni biotech

Brasile, Argentina e India hanno guidato i paesi in via di sviluppo in termini di superficie coltivata biotech nel 2019.