Risorse PSR: criteri di ripartizione a confronto

La somma in gioco per l’Italia per il biennio 2021-2022 è davvero importante: 7 miliardi di euro, di cui 4 miliardi da fondi comunitari e 3 di cofinanziamento nazionale.

Sorgono però delle divisioni, per quanto riguarda i criteri di ripartizione delle risorse per i PSR, da parte delle Regioni italiane: da una parte, un gruppo maggioritario di Regioni, formato da tutte le Regioni del Nord, tutto il Centro Italia esclusa l’Umbria, e Abruzzo, Molise e Sardegna, chiede l’introduzione di un nuovo criterio basato su elementi oggettivi, come la superficie agricola utilizzata, il numero di aziende attive, la produzione lorda vendibile e la superficie forestale. Invece, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Umbria vorrebbero mantenere gli stessi criteri che sono stati applicati durante il 2014-2020, chiedendo di tenere in considerazione gli squilibri territoriali esistenti dal punto di vista economico.