ROLFI: IN LOMBARDIA LA “DIFFIDA” PRIMA DELLA SANZIONE

La Commissione Consiliare Agricoltura ha approvato un emendamento presentato dall’Assessore Regionale all’Agricoltura Rolfi, valido per l’attività agrituristica e per lo spandimento dei reflui zootecnici, che istituisce la “diffida preventiva” che sarà imputata alle aziende prima che venga comminata una sanzione. In materia di agriturismo si considerano sanabili le violazioni afferenti all’esposizione della segnaletica, della SCIA e della carta di provenienza dei prodotti, nonché le violazioni afferenti all’inosservanza di alcuni degli obblighi di chi svolge l’attività agrituristica e all’inosservanza di alcuni requisiti e standard minimi per l’esercizio dell’attività enoturistica. In materia di utilizzazione agronomica dei fertilizzanti azotati si considerano sanabili tutte le violazioni riconducibili a tre tipologie: violazioni relative ad aspetti di carattere amministrativo, violazioni relative ad aspetti gestionali e violazioni relative ad aspetti strutturali. Una volta accertata l’inesattezza, l’agricoltore avrà 20 giorni per sanarla in caso dell’insussistenza di un’altra diffida nei cinque anni precedenti. Il provvedimento deve ora essere approvato dal Consiglio Regionale.