Suinicoltura: Rolfi e Mammi, patto di filiera per uscire da crisi, ma con fondi vincolati a unità

La linea che intendono proseguire gli Assessori all’Agricoltura di regione Lombardia ed Emilia-Romagna, Fabio Rolfi e Alessio Mammi, è chiara: è necessario affrontare in maniera decisa le criticità del settore suinicolo, uno dei comparti zootecnici più importanti della filiera agroalimentare italiana. A questo scopo, è stato riunito il tavolo interregionale per stabilire i contenuti di un documento che sarà sottoposto a tutti gli attori: un vero e proprio patto di filiera al quale saranno vincolati gli aiuti economici regionali.

Secondo quanto emerso durante il tavolo interregionale sulla suinicoltura è tempo di intervenire per uno sviluppo sostenibile della filiera partendo dal rafforzamento delle forme organizzative tra gli allevatori, per poi promuovere un’efficace di collaborazione strategica dell’intera filiera, studiare una diversificazione dei prodotti per renderli più appetibili agli occhi dei consumatori e infine raccontare i passi avanti fatti in termini di sostenibilità e benessere animale.

Inoltre, le regioni chiedono al governo di inserire nella legge di bilancio l’aumento della percentuale di compensazione iva fino al 10% per i produttori suinicoli.